Cristiano Ronaldo non è stato l'unico giocatore della Juventus protagonista nella serata di gala dei Globe Soccer Awards. Se CR7 ha vinto il premio come miglior giocatore dell'anno, Miralem Pjanic è stato insignito di un trofeo alla carriera. Un motivo d'orgoglio per il bosniaco che al momento della premiazione ha parlato della sua avventura in bianconero, spiegando le differenze tra Allegri e Sarri, scusandosi per la Supercoppa e dimostrando di credere nella possibilità di vincere la Champions

Pjanic premiato per la carriera ai Globe Soccer Award parla delle differenze tra Allegri e Sarri

Miralem Pjanic ha ricevuto un premio alla carriera a Dubai, in occasione dei Globe Soccer Awards. Il centrocampista al momento della premiazione ha parlato anche dell'esperienza alla Juventus, partendo dal nuovo corso targato Maurizio Sarri, tracciando le differenze con Massimiliano Allegri: "Maurizio Sarri, rispetto a Massimiliano Allegri, è un allenatore diverso, ha un’altra mentalità calcistica. L’importante è cercare di vincere trofei, cosa che abbiamo sempre fatto". E proprio con l'ex mister di Chelsea e Napoli, il bosniaco è diventato più nel vivo del gioco, toccando più palloni rispetto al passato.

Le scuse di Pjanic per la Supercoppa e l'obiettivo Champions

La delusione per la sconfitta in Supercoppa contro la Lazio è ancora cocente per Pjanic che si è pubblicamente scusato per la prestazione deludente di Riad. Ora la Juventus non può commettere passi falsi alla luce della concorrenza in Serie A, e in vista del ritorno a fine febbraio in Champions. Una Champions in cui i bianconeri a giudizio di Pjanic hanno le carte in regola per arrivare in fondo: "Ci scusiamo per aver perso la Supercoppa Italiana, l’importante è cercare di vincere trofei, cosa che abbiamo sempre fatto. La Lazio e la Roma sono avversarie forti per la Juventus in Serie A, così come l’Inter. Noi intanto continuiamo anche a puntare la Champions League"