Lo sfogo di Emre Can contro la decisione della Juventus di tagliarlo dalla lista Champions ha fatto molto rumore. E non è servita la retromarcia fatta qualche ora più tardi per sgonfiare il caso esploso poco dopo la comunicazione della scelta effettuata staff tecnico. Qualche settimana fa Maurizio Sarri aveva annunciato cosa sarebbe accaduto quando, manifestando tutto il proprio imbarazzo per la situazione, ammise la necessità di "tagliare 6 giocatori" della rosa e – indirettamente – la difficoltà da parte dello staff di mercato di effettuare cessioni.

Mario Mandzukic sul mercato (come Emre Can)

L'ex Liverpool non è l'unico escluso eccellente, a fare egual ‘rumore' è stato il silenzio di Mario Mandzukic. Dispiaciuto ma non sorpreso, il croato un po' se lo aspettava sia per l'abbondanza in attacco sia per le voci insistenti sulle trattative. Era consapevole che a Torino, dopo essere stato una colonna della squadra di Allegri, il suo tempo fosse ormai agli sgoccioli. Il club aveva provato a inserirlo nella transazione con il Manchester United all'ultimo momento, per riallacciare quei contatti interrotti dal fallimento dell'operazione Dybala-Lukaku. Troppo tardi: complice la chiusura anticipata del mercato in Premier (9 agosto), non ci fu tempo per trovare un accordo e l'ex Bayern restò a Torino.

Dove può andare il croato, le ultimissime notizie

Cosa accadrà adesso? Non è detto si debba attendere la prossima finestra di gennaio, secondo quanto raccolto da Tuttosport c'è la possibilità concreta che Mandzukic lasci la Juventus molto prima della sessione invernale che scatterà nel 2020. Dove può andare? In Qatar, considerato che lì il calciomercato chiuderà il 30 settembre. Più di venti giorni per tessere la trama dell'intesa, non dovessero bastare allora sarebbe gennaio la data fissata in calendario per l'addio (con Cina e Red Devils in prima fila). In lista di sbarco anche Emre Can ma molto dipenderà anche da come andranno le cose in questi mesi: in particolare, dalla possibilità di ‘alleggerire' la rosa cedendo quei calciatori non funzionali al progetto. Dal novero sembra escluso Daniele Rugani, inizialmente candidato a lasciare Torino poi trattenuto a causa dell'infortunio di Giorgio Chiellini.