La BBC si è ufficialmente sciolta la scorsa stagione con il saluto al calcio giocato da parte di Andrea Barzagli che ha chiuso la sua esperienza da giocatore al fianco di Chiellini e Bonucci, coronata dall'ennesimo scudetto vinto. Oggi, però, il centrale ritorna in bianconero e lo fa in una veste differente, da dirigente perché si inserirà nello staff a disposizione di Mister Sarri.

Una nuova avventura per Barzagli che già da qualche anno stava ‘lavorando' già in campo per prendere dimestichezza con il suo nuovo ruolo, dando ordini ai compagni più giovani, gestendo dall'esperienza di chi ha vinto tutto, il gruppo e consigliando i tecnici (ieri Allegri oggi Sarri). Barzagli gode di moltissima considerazione all'interno del mondo bianconero e metterà la

L'intesa con Sarri

Dopotutto Andrea Barzagli ha sempre avuto un rapporto particolare con la società con cui ha legato le parti migliori della sua carriera. Anche con Maurizio Sarri, non appena si era insediato sulla panchina dei campioni d’Italia, il nuovo tecnico aveva voluto confrontarsi subito con Barzagli ben sapendo le idee ai vertici del club che hanno sempre spinto verso un proseguimento del rapporto di lavoro al di là del campo.

Il corso a Coverciano e il ritorno alla Juve

Il giocatore, dall'alto delle sue 281 presenze in otto stagioni e mezza non ha perso tempo indirizzando Sarri sulla giusta via tra opinioni, pensieri, consigli, chiesti e dati da chi evidentemente ha una conoscenza del mondo Juventus ben più evoluta e che riporterà a disposizione da dopo la pausa. Il tempo tecnico di completare il corso a Coverciano e prendersi la meritata certificazione per poter operare all'interno delle regole federali. Così Barzagli proverà a ricreare la BBC in un altra dimensione, non più in campo ma dietro le quinte.