Cinquanta milioni di euro per fare all-in e sbaragliare la concorrenza. Cinquanta milioni di euro per soddisfare la richiesta del presidente, Cellino, perché lasci partire Sandro Tonali a un anno dalla scadenza del contratto (2021, con eventuale opzione per l'anno successivo). La Juventus, che a gennaio ha già perfezionato l'acquisto di Dejan Kulusevski, vuole sfruttare la sessione invernale delle trattative per chiudere un altro colpo in previsione della prossima estate. Ingaggiato lo svedese, uomo ovunque nel reparto offensivo, la ‘vecchia signora' è decisa a portare in bianconero anche il mediano delle "rondinelle", uno dei calciatori che più s'è messo in evidenza in Serie A fino a conquistare anche la ribalta della Nazionale di Mancini.

Il ruolo di Tonali, centrocampista "di lotta e di governo"

Sandro Tonali ha 19 anni e nel cuore del centrocampo ci sta come un raìs nella tonnara: detta i tempi della manovra, cuce e ripiega, attacca e affonda il colpo, frangiflutti davanti alla difesa ma anche capace di assicurare geometrie ed equilibrio. È il classico calciatore "di lotta e di governo" che legge lo sviluppo dell'azione, sa dove andrà il pallone (come si dice in gergo), ha proprietà di palleggio ed è dotato anche di una buona fisicità che gli permette di resistere agli urti della vita come degli avversari. Una gemma da incastonare in rosa per garantirsi ricambio generazionale e un futuro tattico assicurato.

La concorrenza per il talento del Brescia, Juve favorita

La Juventus è un passo in avanti per Tonali? In Italia sì, a giudicare dagli ultimi sviluppi e dalle notizie che rimbalzano da Torino. Un gradino più sopra rispetto all'Inter – che resta la maggiore e più pericolosa concorrente – e qualcuno in più rispetto al Napoli di De Laurentiis, che pure aveva acceso i riflettori da tempo sul calciatore che ha estimatori anche all'estero. Dal Paris Saint-Germain (ultimo in ordine di tempo) fino ai due club di Manchester (United e City) non mancano di certo le offerte e le occasioni professionali per un ragazzo che è un po' Pirlo e un po' Gattuso.

Le cifre e l'eventuale formula dell'operazione

Cinquanta milioni di euro, prendere o lasciare. È più o meno questa la posizione della Juventus, la più classica proposta indecente che intriga il Brescia. I bianconeri li verseranno cash? Non è detto perché nella trattativa potrebbero essere inserite anche contropartite tecniche per contenere l'esborso.