L'Atletico Madrid è l'obiettivo di tutta la Juventus: rifilare agli spagnoli 2 gol e ribaltare la partita dell'andata per poter proseguire il cammino in Champions League. Sarà la partita più importante della stagione perché in caso di fallimento la Juve uscirà dall'Europa dopo essere stata già eliminata in Coppa Italia. In caso di qualificazione, diventerà per evidenti motivi la reale squadra da battere in vista della finale.

Insomma, o dentro o fuori, non c'è spazio Nè per eventuali calcoli né timori. Max Allegri è stato chiaro: nessuna ossessione, si deve scendere in campo per divertirci e certe gare vanno giocate senza ansie particolari. Ma poi sarà il campo a decretare l'esito e chi tra Juve e Atletico riuscirà a passare ai quarti di finale.

Imparare dai propri errori

Intanto in casa Juventus tutti sono pronti alla sfida: anche uno degli ultimi arrivati, Wojciech Szczesny suona la carica a pochi giorni dalla sfida contro l’Atletico in Champions. Un match da non sbagliare come accadde all'andata: "Abbiamo sbagliato la gara d’andata, dobbiamo difendere e attaccare meglio. Noi ci crediamo, perché stiamo molto bene fisicamente" ha sottolineato a Sky.

Se dovessi scommettere su chi può decidere questo match, direi Cristiano Ronaldo: ha esperienza in queste partite e ha fatto tantissimi gol in queste gare così importanti.

La Champions League delle remuntade

La speranza c'è, la convinzione anche e i precedenti non mancano perché questa è la Champions delle rimonte impossibili. Chi ha vinto all'andata è stato eliminato in almeno tre occasioni: la Roma, sbattuta fuori ai supplementari ad Oporto, il Psg che al Parco dei Principi ha lasciato via libera allo United e il Real Madrid caduto malamente in casa contro l'Ajax.

Stiamo bene e vogliamo giocare questa grande partita di Champions. Come dimostrano anche i risultati di Ajax e United, in Europa non è mai finita. Questo ci fa credere ancora di più di potercela fare anche noi