Chi lo voleva lontano a Torino oggi si sta ricredendo e lo sta facendo attraverso la lettura dei numeri e delle statistiche che vedono Gonzalo Higuain tra i più decisivi giocatori della Juventus di Maurizio Sarri. Suo vecchio pigmalione ai tempi di Napoli e suo attuale tutore a Torino. Nessuna scommessa, il tecnico se l'è ritrovato e ha optato per tenerselo in rosa senza cessione estiva malgrado la società abbia comunque provato a ottimizzare l'investimento ritenendosi adeguatamente coperta in avanti.

Invece, questo Higuain appare ancora migliore rispetto al passato, anche al passato napoletano fatto di 36 reti in altrettante uscite stagionali in campionato. E' più maturo, gioca più per la squadra, ha il senso del gruppo, sa ottimizzare la propria condizione e le occasioni che gli si presentano. L'ultima in ordine di tempo è stata l'assist fornito per il gol-partita di de Ligt una volta subentrato a partita in corso, non in una gara qualsiasi ma in un derby.

Solo due gol, ma pesantissimi

Gonzalo Higuain sembra l'attaccante del quale la Juventus non possa fare a meno. Segna meno e gioca meno. Ma quando gioca, segna e quando segna, la Juventus si ritrova con punti pesantissimi per il proprio cammino in campionato e non solamente. Contro il Napoli, nel primo testa a testa stagionale, ha siglato la rete decisiva. Lo stesso ha fatto contro l'Inter, chiudendo i conti anche con i nerazzurri. Contro il Torino, in panchina per i postumi del brutto colpo alla fronte, è subentrato sullo 0-0 e ha risvoltato la partita come un guanto, permettendo alla Juventus di vincere ancora.

Presenza fondamentale in attacco

Una presenza in campo determinante, che ben si sposa con Cristiano Ronaldo e l'altra ala che a turno può serenamente essere interpretata da diversi attori, da Douglas a Bernardeschi a Cuadrado. Il Pipita al centro è tornato dunque a fare la differenza soprattutto nei match decisivi e così mercoledì sera potrebbe ripartire titolare anche contro la Lokomotiv Mosca nel quarto match di Champions League. Un suo gol potrebbe regalare vittoria e qualificazione.