E' iniziata nel migliore dei modi l'avventura di Paolo Nicolato sulla panchina dell'Under21 ma adesso si inizierà a fare sul serio per le qualificazioni a Euro2021, dove l'Italia dovrà dimostrare di aver superato il cambio di ct mantenendo qualità, gioco e mentalità vincenti. La sinergia tra le varie selezioni, voluta e messa in atto da quando nella Nazionale maggiore è arrivato Roberto Mancini, in coordinamento con la Federazione sembra essere la strada giusta: scambio di giocatori, monitoraggio dei più giovani, moduli e sistemi di gioco condivisi.

Non è un caso che, se Mancini ha escluso dalle convocazioni del doppio impegno nazionale, per questioni comportamentali e per un ‘codice etico' interno, sia Kean che Zaniolo, i due siano stati utilizzati regolarmente da Nicolato. Sempre sotto osservazione come si è in dovere di fare davanti a giocatori di talento ma ancora indisciplinati sotto il punto di vista comportamentale.

Kean e Zaniolo, talenti e osservati speciali

Kean e Zaniolo sono ragazzi con grandissime qualità, devono fare un certo tipo di percorso e qualche riflessione, hanno commesso anche qualche errore e devono capire facendo tesoro degli errori

Una sinergia che sta dando i propri frutti. L'Italia ha vinto con la Finlandia e ha inanellato il settimo successo consecutivo dell'era Mancini. Il riverbero è atteso sull'Under21 adesso chiamata al debutto per le qualificazioni dell'Europeo di categoria: "Non c'è bisogno di tante parole, è il momento di fare i fatti –ha sottolineato Nicolato a Radio1 -. Sia loro due che i giocatori chiamati hanno grandi qualità e spetta a tutti comportarsi in un certo modo rispettando le regole. La palla è nelle loro mani, devono solo mettere in campo quello che hanno messo e anche rispettare una determinata linea".

La duttilità di Zaniolo

Sbagliare non è mai un problema: il problema sarebbe non imparare dagli errori. Credo molto in loro perché hanno dimostrato grandissime qualità

Ovviamente ci si aspetta moltissimo dll'ex Juventus e dal romanista, che sono indiscutibilmente le stelle di questa Nazionale Under 21 e che sono in proiezione Nazionale maggiore. Anche Nicolato non si nasconde e carica i ragazzi delle loro responsabilità, dentro e fuori il campo: "Possono essere decisivi, Nicolò può rivesire diversi ruoli in campi, non ha problemi di posizione. Poi ognuno lo utilizza in modo che ritiene più idoneo, anch'io l'ho utilizzato da trequartista. E' bravo, tecnico, capace. Spetterà a lui guadagnarsi la fiducia"