La qualificazione in Champions, la lotta scudetto e poi il calciomercato. Venti giorni in apnea per l'Inter poi a gennaio dal mercato potrebbe arrivare quella boccata d'ossigeno chiesta dal tecnico, Antonio Conte. Cosa vuole? Facile, facile intuirlo: rinforzi che diano freschezza e alternative alla rosa attuale perché se vuoi essere competitivo e ambire a concorrere su più fronti hai bisogno di uomini e mezzi. Le ultime notizie sulle voci di possibili trattative dei nerazzurri non mancano, alcune sono vere e altre meno. La realtà è che molto dipenderà da cosa accadrà a dicembre, nell'ultimo turno della fase a gironi di Coppa: se la squadra supera lo sbarramento dei gironi (deve battere il Barcellona a San Siro), grazie anche a introiti ulteriori, la strategia subirà un'accelerazione, diversamente si lavorerà con maggiore cautela calibrando scelte ed esigenze di bilancio verso l'estate quando ad alimentare il tesoretto degli incassi ci sarà anche la ‘rottura' del salvadanaio nel quale sono racchiusi Perisic, Icardi, Joao Mario e Nainggolan.

Calciomercato Inter, obiettivi e trattative per il centrocampo

Qual è il profilo seguito dall'Inter sul mercato? Giovani e di qualità, a centrocampo in particolare il tecnico vuole calciatori che siano di prospettiva ma abbiano già buona esperienza alle spalle. E per questo sono difficile da prendere a gennaio a meno che non si faccia qualche sacrificio economico.

  • L'argentino dell'Udinese, Rodrigo De Paul (25 anni), è un obiettivo chiaro. Quanto costa? Tra i 25 e i 30 milioni. Quante possibilità ci sono che arriva tra un mese? Non molte al momento.
  • Chi invece ha qualche chance i più è Dejan Kulusevski del Parma (19 anni, di proprietà dell'Atalanta): il suo acquisto potrebbe essere finanziato con la cessione di Gabigol, il cui prestito al Flamengo è in scadenza, e porterebbe in dote ai nerazzurri la possibilità di avere un calciatore che per caratteristiche può essere impiegato come seconda punta e come mezz'ala.
  • Molto più complessa la situazione di Gaetano Castrovilli, 22 anni, centrale di centrocampo (12 presenze, 3 gol, 2 assist con la Viola) che ha conquistato anche la fiducia del ct della Nazionale, Roberto Mancini. La Fiorentina se ne priverà? Impossibile lo faccia a gennaio e, considerato il rinnovo appena firmato, appare altrettanto impraticabile l'ipotesi che lasci a giugno un club che ha scelto di trattenere gli elementi migliori (come nel caso di Chiesa).
  • Boubakary Soumaré, classe '99 del Lille, è un altro nome segnato sul taccuino dello staff nerazzurro. Mediano di struttura, dotato di stazza fisica (è alto 188 cm), è il classico mediano davanti alla difesa. Le prestazioni in campionato e in Champions hanno acceso i riflettori su di lui.

Il vero colpo a giugno è prendere Milinkovic Savic

Il vero colpo l'Inter potrebbe piazzarlo nella prossima estate quando, forte delle cessioni di quei calciatori che hanno mercato ma non rientrano nei piani di Conte, si ritroverà capitali da investire nell'operazione Milinkovic Savic. Quanto occorre per smuovere la Lazio? Almeno 80 milioni, al netto della possibile qualificazione in Champions dei biancocelesti (anche questa una variabile che può cambiare le cose). Massima attenzione anche su Emerson Palmieri, che non rinnova il contratto in scadenza nel 2022 con il Chelsea.

La strategia dei nerazzurri per rinforzare l'attacco

Il rientro di Alexis Sanchez e Politano rende meno necessario intervenire subito nel reparto d'attacco ma il nome di Olivier Giroud resta molto caldo e altrettanto costoso. Conte lo conosce bene e ne apprezza le qualità. Arriverà a gennaio? Come noto le richieste dell’attaccante francese sono piuttosto alte (il giocatore va a scadenza a fine anno). Ma è un giocatore che Conte conosce benissimo e sembra un'ipotesi da spendere per giugno così come per Dries Mertens che a Napoli non ha ancora rinnovato il contratto in scadenza.