Ha saltato l'andata della semifinale di Coppa Italia contro il Napoli e salterà anche la sfida scudetto contro la Lazio. Sebastiano Esposito s'è fermato sul più bello, alla vigilia della gara contro i partenopei ha alzato bandiera bianca per un infortunio muscolare (elongazione del retto femorale). Tempi di recupero? Da valutare, come si è appreso mercoledì sera dal comunicato ufficiale dell'Inter. In ogni caso non prima di un mese. C'è anche un'altra lettura del report medico, ovvero che Lautaro Martinez e Lukaku saranno costretti agli straordinari con il solo Alexis Sanchez quale alternativa a disposizione di Antonio Conte.

Esposito fuori anche per le gare di Europa League

Il ko del giovane attaccante si aggiunge a Gagliardini (trauma all'avampiede destro con edema osseo –  la cui guarigione non sarà immediata), ad Handanovic (infrazione al mignolo della mano, sarà a disposizione a fine febbraio) e complica i piani della squadra anche in vista del doppio impegno in Europa League: il primo in trasferta (giovedì 20 febbraio alle 18.55 sul campo del Ludogorets), il secondo in casa (il 27 febbraio alle 21).

Nella giornata di oggi Sebastiano Esposito è stato sottoposto, presso l’Istituto Humanitas di Rozzano, a risonanza magnetica dopo aver accusato un fastidio in allenamento – si legge nel report medico ufficiale dei nerazzurri -. Gli accertamenti hanno evidenziato un’elongazione al retto femorale destro. Il giocatore sarà rivalutato la prossima settimana.

Scelte ristrette per il turnover in attacco

Turnover limitato per Conte che potrà beneficiare solo del cileno, ex United. E se vorrà concedere un po' di riposo a chi, come Lukaku (più di Lautaro), ha giocato senza fermarsi quasi mai allora dovrà proporre un'altra veste tattica per l'Inter optando per un modulo che vede Eriksen a supporto di Alexis (una sorta di 4-4-1-1, ipotizzando che rinunci alla difesa a tre) oppure lo stesso danese ma in coppia con Sensi alle spalle di Sanchez (con la difesa preferita ma adottando il 3-4-2-1). Sol