Al Bentegodi cala il sipario sulla Sampdoria di Di Francesco: 2-0 del Verona e ultimo posto confermato per i blucerchiati inchiodati a 3 punti dopo sette partite. Contro gli scaligeri la Sampdoria va subito in svantaggio al 9′ ma non riesce mai a reagire. Audero tiene in vita la partita con una super parata a tempo scaduto ma sono gli zero tiri in porta in 45 minuti che spiegano la situazione blucerchiata. Nella ripresa Di Francesco cambia in attacco ma non cambia la situazione e Nicola Murru all'81' con una autorete su punizione di Veloso chiude il match. E probabilmente anche l'avventura di Di Francesco in blucerchiato.

Sfida salvezza

A Verona va di scena una sfida che sa di salvezza tra l'Hellas e la Sampdoria che hanno vinto solamente una volta nelle prime sei giornate. Stanno meglio gli scaligeri in classifica con la squadra di Di Francesco che chiude mestamente in fondo alla classifica, tra polemiche e rischio esonero. L'avvio è tutto per i padroni di casa che spingono subito sull'acceleratore e mettono in difficoltà i vlucerchiati.

Kumbulla non sbaglia

Il vantaggio non tarda ad arrivare: al 9′ arriva l'angolo perfetto di Miguel Veloso che trova in area Marash Kumbulla che stacca alto e con freddezza insacca nel sette di sinistra la palla dell'1-0. Un vantaggio che non accende la partita con la Sampdoria che non riesce ad attaccare.

Audero salva la Samp

Il primo tempo si spegne nell'anonimato generale con il Verona che si fa vivo grazie a  Mariusz Stepinski che ha un'occasione d'oro da distanza ravvicinata. Il suo tiro al volo è indirizzato sulla destra ma Emil Audero tiene la Samp in partita malgrado gli zero tiri nella porta avversaria.

Caprari e Quagliarella: il pari non arriva

La ripresa continua sulla falsa riga del primo tempo, con la Sampdoria che stenta e Di Francesco che cambia a gara in corso: rima dentro Rigoni, poi Caprari e infine Gabbiadini per un attacco tutto nuovo. Al 69′ si sveglia proprio la Samp: Marco Silvestri respinge alla grande il tiro di Gianluca Caprari indirizzato all'angolino basso di destra e al 75′ ci pensa Fabio Quagliarella a sorprendere Silvestri di testa ma il pari non arriva.

Raddoppio Hellas: autorete

Arriva invece le beffa nel finale con il raddoppio dell'Hellas: all'81' ci pensa Veloso su punizione con Aduero che non può intercettare per la colpevole deviazione di testa di Micola Murru. E' la disfatta della Sampdoria, che non ha più forza fisica né nervosa per reagire e si spegne tra gli applausi di un Bentegodi soddisfatto per la partita del Verona.