Anche il Portogallo è a Euro 2020. La nazionale campione in carica ha ottenuto il massimo risultato con il minimo sforzo. Il Lussemburgo è stato battuto per 2-0. Bruno Fernandes apre le danze al 39’, Cristiano Ronaldo che aveva bisogno di una doppietta per arrivare a quota 100 gol in nazionale raddoppia a quattro minuti dal termine. La Serbia a marzo giocherà i playoff, non sono bastati i gol di Tadic e Mitrovic per battere l’Ucraina.

Lussemburgo-Portogallo 0-2

La partita è doppia. I portoghesi devono vincere, ma tengono d’occhio anche la partita della Serbia che se non batte l’Ucraina va dritta ai playoff. In questi casi quando si attende un risultato c’è sempre un minimo di distrazione, anche inconscia. Cancelo è ancora in panchina, con lui pure Mario Rui. La partita è quella prevista, i padroni di casa si difendono a oltranza, usano le cattive, vengono ammoniti Deville e Chanot. Il Portogallo vince nettamente la battaglia del possesso palla. L’agognato vantaggio arriva sul finire del primo tempo, al 39’, quando insacca Bruno Fernandes, vecchia conoscenza della Serie A. Nel secondo tempo i campioni d’Europa risparmiano energie e gestiscono il vantaggio, anche se arriva la notizia del nuovo gol della Serbia. Il Portogallo si fida dei suoi palleggiatori e cerca di conservare l’1-0, ma il cannibale Ronaldo vuole ancora segnare, dopo la tripletta alla Lituania, a quattro minuti dal termine raddoppia e realizza il 99° gol con la nazionale.

Lo sfottò dei tifosi lussemburghesi a CR7

Nel corso del primo tempo i tifosi della squadra del Lussemburgo hanno preso in giro CR7 e hanno intonato il coro: ‘Messi, Messi'. Sicuramente avrà sentito quel coretto lo juventino, che da anni duella con l'argentino. I due si dividono lo scettro di miglior giocatore del mondo. Chissà se quando ha trovato il gol del raddoppio Ronaldo ha ripensato a quel coro.

Serbia-Ucraina 2-2

Doveva vincere la squadra di Krsticic contro l’Ucraina, imbattuta in queste Qualificazioni a Euro 2020, sei vittorie e un pareggio per la squadra di Shevchenko, per poter sperare nella qualificazione diretta. Dopo 9 minuti i serbi passano in vantaggio con Tadic, che trasforma un calcio di rigore. La squadra di casa ha un paio di occasioni buone per raddoppiare, non ci riesce e poco dopo la mezz’ora subisce l’1-1 di Yaremchuk che di testa pareggia. Il gol del Portogallo manda ai playoff in ogni caso la Serbia che, sorretta da un grandissimo pubblico, vuole comunque vincere e nella ripresa trova il 2-1 con un gol del solito Mitrovic. L’Ucraina però vuole mantenere l’imbattibilità e in pieno recupero con Biesiedim trova il pari. La Serbia disputerà i playoff.