Arriverà un difensore. L'unica certezza è questa a Napoli perché il nuovo infortunio di Ghoulam ha messo in difficoltà i progetti azzurri in vista della ripresa anche dell'Europa League, competizione in cui si vuole giocare da protagonisti. E per la quale serve una rosa più completa dell'attuale, già tirata a lucido da un utilizzo costante di Sarri per quasi gli stessi uomini. Soprattutto nel reparto arretrato dove gli uomini si contano sulle dita di una mano.

Per questo, Giuntoli non molla la presa su eventuali arrivi a Napoli e la lista si arricchisce di possibilità importanti. I nomi che circolano da tempo ci sono e sono conosciuti, ma adesso se n'è aggiunto un altro, Paletta, l'ex rossonero senza squadra. Il comune denominatore è proprio questo: nessuna spesa, si punta sugli svincolati.

Perchè Paletta è un buon affare.

Conosce la Serie A e lo si conosce bene.

I motivi per cercare l'ingaggio di Gabriel Paletta almeno fino a fine stagione sono molteplici ma soprattutto la molla più importante è che sia un calciatore già abituato alla Serie A e del quale si conoscono pregi e difetti. I contatti tra il Napoli e l'entourage del giocatore che sta cercando una squadra dopo essersi svincolato dal contratto con il Milan, sarebbero già avviati.

Permetterebbe nuove soluzioni a Sarri.

L'italoargentino è anche un ottimo centrale difensivo che bene si inserirebbe nelle gerarchie della squadra. Non un sostituto di Ghoulam ma una soluzione comunque interessante: il Napoli con Paletta aggiungerebbe numericamente un rinforzo nella zona centrale del reparto difensivo e che consentirebbe di allargare in fascia uno dei difensori a disposizione di Sarri come Chiriches o Tonelli.

E' un giocatore svincolato.

Un aspetto che non è di secondo piano è anche l'impatto economico che l'ingaggio del giocatore avrebbe sul monte stipendi attuale. Una voce molto cara a De Laurentiis. Paletta, che vorrebbe tornare a giocare subito, non costerebbe nulla al Napoli essendo svincolato e non pretenderebbe uno stipendio alto. Infatti, se dovesse accettare, gli azzurri avrebbero anche l'appoggio del Milan, che dovrebbero dare al giocatore un rimborso minore dell'attuale.

Le alternative in difesa.

Siqueira, il nome più quotato.

Se non andasse a buon fine l'ultimo approccio al giocatore, ci sarebbero dei nomi alternativi che Giuntoli sta monitorando da tempo: in cima alla lista del ds azzurro c'è l'ex-Inter, Udinese e Atletico Madrid, Guilherme Siqueira rimasto svincolato la scorsa estate al termine del suo contratto con i Colchoneros di Simeone.

Mesbah e Milic.

Le altre alternative rispondo ai nomi di Djamel Mesbah, ex Milan svincolatosi a settembre dal Losanna e Hrvoje Milic, ex-Fiorentina, che da pochi giorni ha lasciato l'Olympiacos.