Questo è un anno molto importante per Marek Hamsik, una delle ultime bandiere del calcio italiano. Perché lo slovacco, che con la maglia del Napoli ha segnato 113 gol in 10 stagioni, si appresta a superare il record di gol di Diego Armando Maradona, che con i partenopei di reti ne ha segnate 115. Il sorpasso è nel mirino del capitano azzurro che non vede l’ora di superare il più grande giocatore di sempre

Spero di battere il record di gol di Diego. Sarebbe splendido stare davanti a uno così. Vedere il nome Hamsik prima di quello di Maradona dev’essere meraviglioso. Però ovviamente non posso paragonarmi a lui. Maradona a Napoli è Dio.

Hamsik e il sogno Scudetto.

Del Napoli diventerà un giorno il calciatore con più presenze e più reti Hamsik, che adesso vorrebbe vincere anche il campionato che ‘Marekiaro’ prevede più equilibrato rispetto agli anni passati, perché ora se lo contendono cinque squadre

Sarebbe fantastico ottenere il record e vincere lo scudetto con il Napoli tutto in un’unica annata. Lo scudetto è l’obiettivo stagionale. Il campionato sarà molto equilibrato. Credo che saremo in cinque a puntare al primo posto.

La Champions del Napoli.

Negli ultimi anni il Napoli in Champions League non è stato aiutato dalla Dea bendata, questa volta a Nyon il sorteggio è stato positivo. Hamsik però da vero capitano dice che non bisogna sottovalutare Shakhtar e Feyenoord, le rivali degli azzurri con il City di Guardiola

Non siamo in un girone di ferro, ma le squadre sono tutte buone. Gli ucraini hanno molta esperienza e il Feyenoord è campione d’Olanda. La Champions non è il nostro obiettivo, ma se stiamo attenti e non sbagliamo le partite chiave possiamo fare meglio dell’anno scorso.

Il maestro Sarri.

Nell’intervista rilasciata a Kicker il trentenne centrocampista ha elogiato Maurizio Sarri, che ha fatto crescere sotto ogni punto di vista il Napoli, che in campo si diverte tantissimo

Con Sarri in questi due anni siamo cresciuti tantissimo, è un motivatore perfetto, un ottimo psicologo, bravissimo nei rapporti, minuzioso nel preparare le partite. Sappiamo tutto sugli avversari, ma ci ripete sempre che dobbiamo giocare il nostro calcio. Perché solo così ci divertiamo davvero.

Hamsik e i no a Juve e Milan.

Dopo aver tirato una stilettata all’ex compagno Higuain e dopo aver esaltato Mertens: “In molti pensavano che senza Higuain saremmo calati, eppure ce l’abbiamo fatta. Mertens ha occupato bene la sua posizione ed ha disputato una stagione eccezionale. Spero che quest’anno faccia meglio”, Hamsik ha confermato di aver rifiutato in passato delle offerte importanti della Juventus e del Milan: “In passato ho rifiutato offerte di Juventus e Milan perché non mi sentivo pronto. Potrei finire la carriera qui al Napoli, magari dopo aver vinto uno scudetto. Ma spero di non dover aspettare i 40 anni”.