Al Franchi una gara in cui la Fiorentina ha provato maggiormente del Parma a vincere ma che ha visto i viola dover recuperare dallo 0-1 segnato a fine primo tempo da Gervinho. L'attaccante del Parma ha sfruttato l'unica, vera, azione da gol in un uno contro uno con Dragowski in un classico contropiede. Nella ripresa ci ha pensato una delle più piacevoli sorprese di questa Serie A a trovare il pareggio: Castrovilli. Un punto a testa, classifica che si smuove sia per i ducali che per i gigliati.

Tante assenze in attacco

Al Franchi match tra due squadre che vogliono smuovere una classifica comunque positiva ma a ridosso delle posizioni che contano. Per Montella, seconda uscita senza Ribery squalificato e tridente da inventare, conc Chiesa appoggiato da Boateng e Ghezzal mentre per D'Aversa, senza Inglese ancora infortunato così come Cornelius, conferma per Karamoh a fianco di Gervinho e Kulusevski.

Gervinho spacca il match

Match imballato in mediana che entrambe le formazioni che stentano a creare manovre offensive interessanti, con tanta densità a centrocampo e molti errori da ambo le parti. Ne nasce un primo tempo sotto tono, giocato a ritmi blandi e con pochi spunti in avanti se non quando al 40′ Gervinho accende il match e trova la via del gol in contropiede: uno contro uno con Dragowski e palla in fondo alla rete.

Risponde Castrovilli

La ripresa vede un cambio in avanti della Fiorentina con Montella che toglie dal campo Ghezzal per Vlahovic. I viola sembrano più convinti nelle loro potenzialità e subito schiacciano la difesa del Parma con il pareggio che arriva subito dopo grazie a Castrovilli che al 67′ riesce a pareggiare i conti. Un gol che rilancia le ambizioni gigliate con il raddoppio sfiorato qualche istante più tardi proprio dal nuovo entrato.

Fine delle emozioni

Il finale è ancora un match che resta aperto ma non succede più nulla di importante ai fini del tabellino. La Fiorentina resta in attacco e in pressione ma il Parma gestisce bene il ritorno viola rischiando il meno possibile. Un pareggio che, alla fine, sembra accontentare tutti