Il Torino sbanca Marassi e conquista tre punti fondamentali per la risalita in classifica dove sprofonda la squadra di Thiago Motta che ha un avversario in più contro cui combattere: la sfortuna. Per due volte sullo 0-0 i padroni di casa sbattono sui legni (con Agudelo e Favilli) poi crollano nel finale quando Bremer sfrutta al meglio un corner e colpisce di testa superando Radu. Per il Grifone ennesimo passo falso e situazione che si fa allarmante, per i granata situazione più tranquilla a quota 17.

Il Genoa parte male

Il secondo anticipo del sabato sera vede di scena il Genoa di Thiago Motta confrontarsi con i granata di Mazzarri. I padroni di casa partono contratti e il gioco ne risente tanto che la prima vera grande occasione da rete è del Torino. Dopo soli 3 minuti di gioco Alejandro Berenguer su un bel passaggio, prova la via del gol ma manda il pallone altissimo sopra la traversa.

Il Toro vicino al gol con Ansaldi

Lo squillo granata non scuote il Grifone che non riesce a prendere le misure. La partita resta su ritmi bassissimi, le occasioni sono poche ed è ancora la squadra di Mazzarri a farsi pericolosa al 30′ del primo tempo, questa volta con uno spunto di Ansaldi. L'esterno si smarca benissimo ma davanti a Radu sbaglia il tocco finale con palla sul fondo.

Sfortuna Genoa: Aguledo e Favilli fermati dai pali

La ripresa inizia con un cambio tattico di Thiago Motta che lascia sotto la doccia Ghiglione per Ankersen ma il trend del match non cambia, fino allo scoccare dell'ora di gioco quando finalmente i rossoblù si svegliano. Prima cercano la via del gol con Agudelo che aggancia il passaggio e cerca di battere il portiere calciando dal limite colpendo solamente la traversa. Poi qualche istante più tardi è ancora un legno a dire di no: Favilli si libera benissimo ma è ancora il palo a dire di no.

Beffa granata: Bremer di testa

Il finale è più rossoblù che granata con il Genoa che al 74′ protesta anche per un rigore non dato: malgrado la confusione in area di rigore del Torino, l'arbitro Massa non fischia il penalty tra le proteste dei padroni di casa. Che subiscono la beffa qualche istante più tardi: sugli sviluppi di calcio di rigore, Bremer colpisce di testa e supera Radu.

Forcing del Genoa

L'ultima mossa disperata di Thiago Motta per salvare il salvabile arriva ad una manciata di minuti dalla fine quando inserisce anche il giovane Gumus in avanti togliendo Sturaro. Baricentro avanzatissimo ma il Torino regge l'urto e porta a casa un successo che solo ossigeno per gli uomini di Mazzarri.