Vincenzo Montella non sorride più. Perso il suo aplomb e il suo fare ottimista davanti alle telecamere, il tecnico campano è ad un passo da un clamoroso esonero. Reduce da un pareggio e tre sconfitte consecutive, striscia negativa che ha inchiodato i viola in una preoccupante posizione di classifica, la Fiorentina è insieme a Milan e Napoli la grande delusione di questa prima parte di stagione.

L'ex allenatore del Siviglia nelle ultime ore è così finito nel mirino della critica e in quello della dirigenza toscana, che sta ora valutando il da farsi. Secondo la ‘Gazzetta dello Sport', Montella sarebbe appeso ad un filo e il suo futuro dipenderebbe dall'esito della sfida del quarto turno di Coppa Italia contro il Cittadella: match che la Fiorentina giocherà allo stadio Franchi, domani sera alle ore 21.

Il futuro di Montella e il recupero di Ribery

Se il mister di Pomigliano d'Arco non riuscirà a passare il turno, l'esonero sarà praticamente certo. Qualora dovesse invece passare indenne la sfida con i veneti, Montella dovrà cercare di rinsaldare la sua panchina nella prossima gara di campionato contro il Torino di Walter Mazzarri. Nell'attesa il direttore sportivo Pradè ha tenuto a rapporto Chiesa e compagni, chiedendo ai giocatori un maggior impegno per uscire dalla crisi.

Una buona notizia per il club toscano arriva invece dall'infermeria e riguarda Frank Ribery. Il giocatore francese, uscito zoppicante dai novanta minuti contro il Lecce, potrebbe rientrare prima del previsto (magari già contro Inter o Roma) e dare una mano ai compagni. L'infortunio accusato alla caviglia, che aveva gettato nel panico tutto il mondo viola, pare infatti meno grave del previsto e dovrebbe permettere all'ex Bayern Monaco di recuperare nel giro di una quindicina di giorni.