Sono bastati pochi minuti a Fernando Llorente per conquistare il popolo napoletano e regalare al Napoli una grande notte di Champions League. L'attaccante spagnolo ha realizzato la rete del definitivo 2-0 della squadra di Carlo Ancelotti al Liverpool ed è già entrato nel cuore dei tifosi azzurri. Al prima palla in area il numero 9 ha fatto subito goal ma il suo lavoro aveva permesso alla squadra di respirare nel momento in cui avrebbe potuto soffrire di più l'onda d'urto dei campioni d'Europa.

Llorente entra momenti più delicati delle partite e riesce ad essere sempre importante per i partenopei: dopo l’assist di sabato contro la Sampdoria, per il "puntero" spagnolo non ci poteva essere migliore impatto con la nuova squadra. Carlo Ancelotti ha voluto espressamente un calciatore con determinate caratteristiche nel suo roaster e ha spiegato così la sua prestazione di ieri:

Llorente ci ha aiutato quando non si poteva più giocare perché eravamo stanchi. Anche nel primo gol c’è Llorente, nasce da una palla lunga, e non è una bestemmia mettere anche una palla lunga. Noi dobbiamo saper far tutto, anche le partite sporche.

Llorente: Che gioia battere il Liverpool!

Il nuovo attaccate napoletano è entrato benissimo contro i Reds e ha maturato la sua vendetta sportiva dopo la sconfitta nella finale di Champions League dello scorso anno, quando vestiva la maglia del Tottenham:

È stato qualcosa di incredibile segnare qui al San Paolo. Non immaginavo di cominciare con un assist e un gol, sono molto contento di aiutare così la squadra. È bello giocarsela con una squadra come il Liverpool, sono molto contento perché abbiamo dimostrato di stare al livello delle grandi. Se miglioriamo e cerchiamo di crescere attraverso queste partite possiamo fare cose bellissime. Comunque è solo una partita, sono 3 punti importantissimi ma manca tantissimo, il Salisburgo ha vinto una partita incredibile per 6-2, bisogna essere pronti per ogni partita perché sarà molto dura.