La Juventus doma in rimonta un'ottima Atalanta, l'Inter risponde a Torino superando i granata, Napoli in difficoltà anche a San Siro col Milan. Questi, in estrema sintesi, i risultati degli anticipi della 13a giornata di serie A. A Bergamo i nerazzurri di Gasperini fanno paura: partono forte, costringono Szczesny agli straordinari (soprattutto su Pasalic, con De Sciglio che salva poi sul colpo a botta sicura di Hateboer) e sprecano anche un rigore con Barrow (palla sulla traversa). Alla ripresa arriva così il meritato vantaggio con Gosens, servito splendidamente dallo stesso Barrow. Sarri decide di correre ai ripari con gli inserimenti di Douglas Costa e Emre Can e la partita cambia la sua rotta al 70′ con il pari di Higuain, che si ripete poco dopo su assist di Cuadrado. Nel finale di tempo, quindi è lo stesso Pipita a servire a Dybala il pallone per il gioiello del 3-1 (le pagelle commentate del match).

In Piemonte l'Inter impiega mezz'ora per gestire la pratica Torino. Dopo 12′ è Martinez a sbloccare il risultato su imbeccata di Vecino. Al 32′ è De Vrij a insaccare nuovamente alle spalle di Sirigu sfruttando al meglio un assist di Biraghi. Nella prima frazione c'è spazio anche per due parate di Handanovic contro le conclusioni di Verdi e De Silvestri. Usciti per infortunio, invece, Belotti da una parte e Barella dall'altra. Nella ripresa l'Inter corrobora il vantaggio anche con l'immediato 3-0 di Lukaku, che sfrutta al meglio un passaggio vincente di Brozovic. Gol che segna la fine anzitempo del match.

Succede tutto in cinque minuti a San Siro con il botta e risposta tra Lozano e Bonaventura dal 24′ al 29′. Partita di scarso ritmo tra Milan e Napoli, con i rossoneri intenti a chiudere tutti gli spazi e a provare a ripartire sugli esterni, soprattutto grazie a un ottimo Hernandez, e i partenopei ad affidarsi all'estro di Insigne. Proprio da un tiro del capitano che centra la traversa, nasce l'agevole vantaggio del messicano, ma i rossoneri hanno il merito di ridestarsi subito e trovare il pari sull'asse Hernandez-Krunic-Bonaventura. Alla ripresa la sostanza non cambia con pochi sussulti e parità congelata Andiamo, dunque, a dare un'occhiata più nel dettaglio alle prestazioni individuali dei match attraverso il confronto dei voti di Gazzetta e Corriere dello Sport.

Atalanta-Juventus

Voti e pagelle

Atalanta: Gollini (6 dalla Gazza e 5,5 dal Corriere), Toloi (6 e 5), Palomino (5,5), Djimsiti (5), Hateboer (6), De Roon (6 e 6,5), Freuler (6 e 6,5), Gosens (6,5 e 7), Castagne (5,5 e 5), Gomez (7), Pasalic (7 e 6,5), Barrow (6 e 5), Muriel (5 e 5,5). Juventus: Szczesny (7), Cuadrado (6), Bonucci (5,5 e 6,5), De Ligt (7), De Sciglio (6,5 e 6), Khedira (5), Can (6), Pjanic (5,5), Bentancur (5,5 e 5), Douglas Costa (7 e 6), Bernardeschi (5,5 e 6), Ramsey (5,5 e 5), Higuain (8), Dybala (7,5).

Milan-Napoli

Voti e pagelle

Milan: Donnarumma (7), Conti (6 e 5,5), Musacchio (6,5), Romagnoli (5,5 e 6), Hernandez (6 e 6,5), Krunic (6,5), Biglia (5), Calabria (6), Paquetà (6 e 6,5), Rebic (4,5 e 5,5), Kessié (6), Piatek (4 e 5), Bonaventura (7). Napoli: Meret (6), Di Lorenzo (6), Maksimovic (6), Koulibaly (6 e 6,5), Hysaj (6 e 5,5), Callejon (5), Mertens (5,5 e 5), Allan (6), Zielinski (5,5), Elmas (6 e 5,5), Insigne (5 e 5,5), Younes (6 e 5), Lozano (6,5 e 6).

Torino-Inter

Voti e pagelle

Torino: Sirigu (6,5 e 6), Izzo (5 e 5,5), Nkoulou (5,5 e 4,5), Bremer (4,5 e 5), Aina (5,5), De Silvestri (6 e 5,5), Meité (5), Baselli (6 e 5), Berenguer (6 e 5,5), Lukic (6,5), Ansaldi (6), Verdi (5,5), Zaza (5). Inter: Handanovic (7 e 6,5), Godin (6), Skriniar (7 e 6,5), De Vrij (7), D'Ambrosio (6,5 e 6), Vecino (7 e 6,5), Brozovic (7 e 7,5), Barella (6 e 6,5), Borja Valero (6), Biraghi (6,5), Martinez (7,5), Candreva (6), Lukaku (7 e 7,5).