Jullien e Forster. Sono questi i nomi che vanno incisi a fuoco su questa sconfitta della Lazio in casa del Celtic nella gara valida per il terzo turno dell'Europa League 2019/2020. I capitolini si erano portati in vantaggio con Lazzari nel primo tempo ma Christie e il difensore francese hanno ribaltato la gara e il portiere ha messo al sicuro il risultato. Gara gagliarda per la squadra biancoceleste, che a Celtic Park ha affrontato nel modo giusto la sfida contro i ragazzi di Neil Lennon, ma qualche errore in fase difensiva ha inciso sul risultato finale: la Lazio torna a casa con 0 punti per un goal preso su palla da fermo a pochi minuti dal termine e una super parata del portiere biancoverde subito prima del fischio finale.

Una sconfitta assolutamente immeritata ma la squadra biancoceleste ha perso sei punti da situazione di vantaggio e si tratta di un record negativo in questa stagione di Europa League.

Le formazioni di Lennon e Inzaghi

Neil Lennon ha mandato in campo i suoi con il 4-2-3-1: Forster tra i pali; Elhamed, Ajer, Jullien,e Bolingoli in difesa; Brown e McGregor nel ruolo di mediani e Elyounoussi, Forrest e Christie alle spalle di Edouard. Simone Inzaghi ha risposto con il consueto 3-5-2: in porta Strakosha; Bastos, Vavro e Acerbi a comporre il castello difensivo; Lazzari e Jony sulle corsie laterali e al centro Parolo, Leiva, Milinkovic a supporto di Caicedo e Correa.

Un bel goal di Lazzari porta avanti la Lazio

La gara della Lazio sembra improntata tutta sull'attenzione difensiva e sulla possibilità di partire in contropiede fin da subito. Gli scozzesi sono andati vicino al goal intorno al 15′ con Christie che ha scheggiato il palo ma per il resto Strakosha non ha corso molti pericoli.

Al 39′ è stato Manuel Lazzari a portare in vantaggio i biancocelesti con un bel goal dopo un contropiede fulminante e ha ammutolito il Celtic Park. Milinkovic-Savic ha ricevuto dalla difesa e ha ceduto a Caicedo, che ha amministrato bene e smistato per Correa, posizionato sulla trequarti: l'argentino ha servito benissimo l'ex laterale della Spal sulla corsa che ha battuto Forster sul primo palo. Il numero 29 della Lazio si è reso protagonista di uno scatto impressionante ed è stato bravissimo a offrire l'opzione al Tucu che con la sua qualità lo ha lanciato a rete.

 

Christie e Jullien ribaltano la gara: finisce 2-1 per il Celtic

L'inizio di ripresa del Celtic non fa presagire cose buone per i biancocelesti: Bastos e Leiva si fanno scippare il pallone dagli attaccanti scozzesi e solo una super parata di Strakosha, dopo un salvataggio di posizione di Vavro, hanno evitato il pareggio della Lazio. Tutto rimandato di pochi minuti: al 67′ Ryan Christie, su assist di Édouard, ha battuto di sinistro dai 16 metri e non ha lasciato scampo a Strakosha. Dodicesimo goal per il centrocampista offensivo del Celtic in stagione.

La squadra biancoceleste ha cercato la via del goal nella seconda parte di gara, prima del pareggio con Correa (palo) e subito dopo con Parolo (tiro respinto da Forster), ma sono mancate lucidità e fortuna. Immobile appena entrato per poco non ha trovato il goal dopo un triangolo, tutto di tacco, con Caicedo ma all'89' è arrivata la doccia fredda per i capitolini: su calcio d'angolo di Christie è stato Christopher Jullien a schiacciare di testa il pallone nella porta della Lazio e a far gioire Celtic Park. Una super parata di Forster su Cataldi a pochi secondi dal termine ha decretato una sconfitta immeritata per i ragazzi di Inzaghi.

Lazio al terzo posto nel gruppo E

Dopo la sconfitta in casa del Cluj e la vittoria in extremis con il Rennes, la Lazio trova un'altra  battuta d'arresto in casa del Celtic e si ritrova a 3 punti in classifica alle spalle del Cluj (6) e degli scozzesi (7). I biancocelesti sono ancora in lotta per qualificarsi agli ottavi di finale ma saranno decisive le due gare interne consecutive con Celtic e Cluj.