La Lazio vince in rimonta, soffrendo e giocando in maniera accettabile solo per un tempo, e conquista i primi tre punti del girone europeo. Archiviata la sconfitta in Romania, la formazione di Simone Inzaghi è infatti riuscita ad avere la meglio sul Rennes grazie alle reti di Milinkovic-Savic e Immobile e dopo essere passata in svantaggio ad inizio ripresa su colpo di testa di Morel. La prossima partita dei biancocelesti sarà il 24 ottobre in Scozia contro il Celtic.

Zero emozioni nel primo tempo

La Lazio ha l'obiettivo di vincere per dimenticare la batosta di Cluji e conquistare i primi punti nel girone europeo. Simone Inzaghi va all'attacco dei bretoni con Caicedo a fianco di Immobile, vista l'indisponibilità di Correa. Milinkovic-Savic e Luis Alberto sono in panchina. Il Rennes di Niang e Grenier (ex Milan e Roma) cerca invece continuità di risultati dopo il primo pareggio con il Celtic e a pochi giorni dall'importante pari conquistato al Velodrome con il Marsiglia.

Per tutto il primo tempo succede però ben poco. I ritmi sono molto bassi, Lazio e Rennes si studiano a lungo e le uniche due conclusioni verso i portieri sono quelle di Immobile (alto sulla traversa al sesto minuto) e di Martin, che quasi venti minuti dopo spara centralmente trovando i guantoni di Strakosha. Dopo un paio di incursioni di Lazzari, un tiro insidioso di Tait e una punizione centrale di Cataldi, le due squadre scendono negli spogliatoi per l'intervallo dopo 45 minuti abbastanza noiosi e con solo 5 conclusioni complessive verso i due portieri.

Milinkovic-Savic sveglia la Lazio

Nonostante un primo tempo avaro di emozioni e di occasioni gol, Simone Inzaghi tiene ancora in panchina Milinkovic-Savic e Luis Alberto e riparte con lo stesso undici della prima frazione di gara. Nel Rennes è ancora in campo il giovanissimo gioiello Camavinga, che per poco non beffa Strakosha con un tiro che va vicino al palo. A otto minuti dal fischio d'inizio, il tecnico bianconceleste si convince e getta nella mischia i due campioni tenuti in naftalina: una mossa che arriva pochi secondi prima del colpo di testa vincente di Morel che porta avanti i bretoni.

Il gol costringe la Lazio a svegliarsi dal torpore e ad alzare i ritmi. Ci vuole poco a far meglio del primo tempo e Caicedo prova subito ad impensierire Mendy ma il pallone va alto. È invece più fortunato Milinkovic-Savic che poco dopo l'ora di gioco trova il tiro vincente che risveglia la partita e rimette in piedi il risultato. Da qui comincia un'altra gara. Niang scappa in velocità e carica il destro senza spaventare Strakosha. Due minuti più tardi è invece Immobile a trovare il 2-1 con un perfetto stacco di testa. Il finale vede i francesi all'arrembaggio e sfiorare il pari con Grenier prima dell'urlo di gioia dell'Olimpico per la prima vittoria laziale.