Dopo aver raggiunto la qualificazione all'Europeo 2020, l'Italia già è proiettata ai sorteggi dei gironi e al prossimo giugno. Roberto Mancini guarda con ottimismo al futuro, dato che in pochi avrebbero scommesso su un percorso fatto di dieci successi in altrettanti incontri del girone oltre ad una crescita e un inserimento costante di nuove leve. Adesso c'è bisogno di programmare con attenzione le prossime tappe per evitare brutte figure nella gara d'esordio del 12 giugno allo stadio Olimpico di Roma. Il commissario tecnico avrà poco meno di tre settimane per preparare il debutto all'Europeo visto che il campionato si concluderà soltanto il 24 maggio ma si parla di un possibile anticipo come avverrà per Premier League e Bundesliga.

Secondo quanto riportato dal Corriere dello Sport nei prossimi giorni potrebbe arrivare una decisione che al momento appare difficile, ovvero aggiungere un turno infrasettimanale per anticipare la fine del torneo e il periodo individuato sarebbe quello tra la terza e la quarta giornata di ritorno (4-5-6 febbraio). Sarebbe disponibile anche il 20 maggio, ma far terminare un campionato di mercoledì non è nei piani attuali della Federazione.

L'idea di Roberto Mancini è quella di concedere cinque giorni di vacanza ai suoi ragazzi prima del raduno e anticipare la chiusura della Serie A permetterebbe di effettuare anche una settimana di ritiro in altura prima del lavoro da svolgere a Coverciano.

Se le date non dovessero cambiare, l'Italia potrebbe giocare più di un'amichevole in quel periodo oltre alle due che certamente disputerà a marzo: la scelta effettuata dalla FIGC è quella di una tournée in Qatar con sfide ad avversari di medio livello o due incontri con delle big europee. In questo momento l'attenzione è tutta rivolta al sorteggio del prossimo 30 novembre a Bucarest ma poi ci sarà da pianificare nel miglior modo possibile l'avvicinamento al torneo continentale.