Nonostante la lotta con l'Inter per il primo posto in Serie A sia serrata e in Champions League abbia già staccato il pass per gli ottavi di finale, la Juventus sta lavorando sul mercato e uno degli obiettivi per la sessione di mercato di gennaio è Emerson Palmieri del Chelsea. Il terzino della Nazionale Italiana è da tempo nei radar della società bianconera, che lo aveva trattato già ai tempi della Roma ma secondo quanto trapela da vari rumors di mercato l'allora direttore sportivo giallorosso, Monchi, non voleva presentarsi ai nuovi tifosi con l'addio al calcio di Francesco Totti e una cessione di un giocatore importante ai bianconeri nel giro di pochi mesi. Per questo motivo Emerson non si trasferì a Torino ma venne venduto al Chelsea per 20 milioni di euro più 9 di bonus.

Secondo quanto riportato da Corriere della Sera e Corriere dello Sport nelle ultime ore il terzino dei Blues potrebbe tornare in Italia e concretizzare quel trasferimento che non si è verificato due anni fa: come già ampiamente detto, Emerson Palmieri è nel mirino della società bianconera e questa volta la Juve non vuole assolutamente farsi sfuggire il calciatore.

La squadra campione d'Italia in carica vorrebbe il calciatore classe 1994 dal Chelsea e regalare a Maurizio Sarri un'alternativa importante ad Alex Sandro sulla corsia di sinistra, reparto in cui attualmente la rosa bianconera non è adeguatamente coperta: il tecnico napoletano ha già lavorato con il terzino nato a Santos nel corso della sua esperienza a Londra e sarebbe molto felice di allenarlo di nuovo.

Lo scoglio da superare per concretizzare l'operazione è la valutazione di circa 30 milioni di euro che ha fatto il Chelsea del suo calciatore: nel caso in cui Roman Abramovich si decidesse ad abbassare  le pretese allora i bianconeri proverebbero a concludere la trattativa già nella prossima parentesi di mercato.