Dopo lo spettacolo in campo, sono arrivate inevitabili anche le prime polemiche. Juventus-Napoli è stata la partita più avvincente della seconda giornata di campionato, ma il comportamento di uno dei giocatori in campo ha infatti generato uno spiacevole epilogo. A farsi tradire dalla trance agonistica è stato Douglas Costa, che dopo lo sfortunato autogol di Koulibaly ha pensato bene di festeggiare in modo provocatorio sotto il settore dello Stadium dedicato ai tifosi ospiti.

Nel filmato che sta circolando in rete in queste ore, si vede infatti il brasiliano disinteressarsi del gruppo di compagni che stanno festeggiando, rimanere sotto il gruppo di ultrà partenopei e dedicare a loro un bacio alla maglia bianconera in segno di sfida: un gesto che non è piaciuto a Callejon, che è subito corso verso lo juventino per richiamarlo.

Il bacio di Donnarumma e lo sfottò di Mertens

Una moda, quella di provocare i tifosi avversari, che ormai non è più una novità. Né in Italia, né all'estero. All'Allianz Stadium, e più o meno nello stesso punto dove è andato in scena l'episodio di Douglas Costa, Gigio Donnarumma sfidò i tifosi con il famoso bacio alla maglia e allo stemma del Milan, dopo il rigore dubbio che venne fischiato alla Juventus al 97esimo e in seguito agli sfottò che gli erano arrivati dalle tribune dell'impianto piemontese.

L'ultima esultanza discutibile, in ordine di tempo, è invece arrivata durante la prima giornata di questo nuovo campionato: esattamente una settimana prima della partita tra Juventus e Napoli, e a metterla in scena è stato proprio un giocatore partenopeo. Probabilmente stufo di sentire i cori "contro" dei tifosi della Fiorentina, Dries Mertens ha infatti festeggiato il suo gol su punizione irridendo in maniera evidente gli ultrà viola.