Lautaro Martinez ritornerà a disposizione dell'Inter nella sfida di domenica all'Olimpico contro la Lazio. Il ‘Toro' di Avellaneda ha scontato i due turni di squalifica e si è ripreso il proprio posto da titolare a fianco di Lukaku già in Coppa Italia, nella sfortunata semifinale di andata persa contro il Napoli a San Siro. Un rientro fondamentale per Conte che lamenta lo stop del giovane Esposito, su cui a gennaio il club ha puntato evitando ulteriori arrivi in avanti.

Se la sfida contro la Lazio vedrà certamente Lautaro tra i protagonisti, visto l'impatto dell'argentino sulle partite e l'intesa sempre più perfetta con Lukaku in avanti, ci saranno però anche occhi indiscreti a osservare l'attaccante dell'Inter sempre più al centro di un intrigo di mercato che lo vorrebbe portare la prossima estate in Spagna. Real Madrid e Barcellona, infatti, sono sulle tracce del ‘Toro' pronte a sfidarsi all'ultimo milione.

La clausola e il pericolo spagnolo

Il punto di partenza è l'attuale clausola, per l'estero che chi vuole acquistare il giocatore deve versare interamente e in una unica soluzione all'Inter: 111 milioni di euro. Una cifra molto alta, quasi impossibile per diversi club italiani  ma non per i due giganti spagnoli. Sia le merengues che i catalani hanno i fondi necessari per attingere alla somma e – realisticamente – l'Inter non avrebbe alcun ulteriore rimedio per opporsi.

Quanto guadagna Lautaro

E' per questo motivo che queste settimane saranno fondamentali per il club nerazzurro riuscire a mettersi attorno ad un tavolo con il giocatore e il suo entourage. Già a inizio stagione si era evidenziato lo stipendio ‘non congruo' all'interno della rosa da parte di Lautaro, divenuto – dopo l'addio a Icardi – elemento essenziale, insieme a Lukaku. Marotta ha già apportato una modifica agli emolumenti, elevando la cifra a 2.2 milioni a stagione. 

Manovre per prolungare il contratto

La sensazione è che l'attuale accordo sia solamente una base non un punto di approdo. A mercato chiuso, l'Inter ha tutto l'interesse per trovare una nuova intesa, un prolungamento e un ulteriore adeguamento (già previsto) approfittando del fatto che le pretendenti non possono intromettersi. Il richiamo – non solo economico – di poter vestire la maglia del Real o di giocare a fianco di Messi è altissimo, il pericolo evidente. Ma tutto ha un prezzo. E l'Inter lo sa.