Aurelio De Laurentiis torna a fare notizia. Lo fa attraverso un'intervista registrata nei mesi scorsi nell'ambito di un documentario prodotto da Red Bull, ma pubblicato soltanto oggi, in un momento estremamente complicato per il Napoli caratterizzato – tra i tanti aspetti – anche dal silenzio in cui si è chiuso lo stesso De Laurentiis. Le dichiarazioni rilasciate nel documentario, come da suo stile, sono tutt'altro che banali.

De Laurentiis: "Napoli ha il problema di non aver mai vinto"

De Laurentiis ha raccontato quello che, a modo suo, è il principale problema legato all'ambiente Napoli, inteso come connubio tra squadra, tifosi e città.

"Napoli, che è una città meravigliosa ed unica al mondo per tante considerazioni, ha avuto il problema di non aver mai vinto nel passato. Vinti due scudetti? Perchè hanno avuto il grande handicap di aver avuto il più grande giocatore al mondo, Maradona. Ma è un malus, non un bonus: dopo aver avuto la donna più bella del mondo, cosa poi divorzia da te, chi ti può accontentare? Cosa ti può soddisfare? Noi abbiamo lavorato bene, dopo Maradona abbiamo sfornato giocatori molti importanti, Lavezzi, Cavani, Higuain, e adesso ne abbiamo tanti in rosa straordinari".

Un punto di vista forte, come d'abitudine con De Laurentiis, che stride con il particolare contesto del momento vissuto dal Napoli in questa fase della stagione. Gli azzurri sono in grave crisi di risultati in Serie A, anche dopo l'esonero di Ancelotti e l'arrivo di Gattuso sulla panchina azzurra nel mese di dicembre. Reduce da tre sconfitte consecutive in campionato, contro Inter, Lazio e Fiorentina, il Napoli è lentamente stato risucchiato verso la zona retrocessione, dove mai si era trovato in tempi recenti. Neanche nei primi anni di Serie A della gestione De Laurentiis, quando da subito la squadra aveva abituato tutti ad un rendimento molto competitivo.