La Serie A, nel corso degli anni, vede diversi calciatori affermarsi in modo esemplare prima di salutarli per ovvi motivi anagrafici. Smettono di giocare? Neanche per sogno. Già, perché ci sono alcuni ‘vecchietti’ terribili che non hanno alcuna voglia di smettere e che prima di appendere e scarpette al chiodo, vorrebbero raggiungere altri record personali. Come sta accadendo a questi giocatori presi in esame che oggi sono degli autentici top player del campionato di Serie C. Prendete ad esempio la Carrarese che in attacco può contare su due quarantenni da sogno come Tavano e Maccarone, due che in A, con l’Empoli, hanno scritto la storia. Ma non sono gli unici.

Tavano e Maccarone e quella voglia matta di fare ancora gol

L’abbiamo conosciuto da giovanissimo quando ha iniziato a fare gol a raffica con la maglia dell’Empoli, poi le esperienze di Valencia e Roma poco gratificanti prima del ritorno in Italia. Oggi Ciccio Tavano, a 40 anni, vuole riportare la Carrarese nel calcio professionistico. Milita nel club toscano dalla stagione 2017/2018, in cui ha realizzato 18 gol nella prima e 17 reti nel secondo anno.

Un giocatore fantastico che al pari di Massimo Maccarone, suo compagno di reparto, vuole concludere in bellezza un percorso calcistico da Oscar. ‘Big Mac’ ha infatti compiuto da poco i suoi 40 anni e ha espressamente soffiato quella candeline esprimendo il sogno di smettere di giocare solo quando la Carrarese sarebbe andata in B. Un auspicio anche per i tifosi toscani che non si stancherebbero mai di vedere i due bomber in coppia.

‘El Tanque’ Denis vuole infuocare Reggio Calabria

L’entusiasmo che si respira dalle parti del Granillo è assolutamente esaltante. Una gioia immensa per il popolo della Reggina che da tempo ormai, non vedeva il proprio club così ambizioso come quest’anno. Inseriti nel girone C di Serie C, i calabresi hanno piazzato il colpo German Denis in attacco. Il bomber argentino ex anche di Napoli e Atalanta, è davvero la punta di diamante della categoria. Un autentico lusso che si è materializzato negli ultimi giorni di mercato quando il ds amaranto ha deciso di sferrare l’attacco decisivo tramite un messaggio whatsapp al calciatore (che ha risposto solo pochi giorni dopo). Denis si è presentato alla Reggina con un bottino di 73 gol in 241 presenze in A. La Serie C, per chi non lo sapesse, l’aveva già vista nel lontano 2001 fino al 2003 al Cesena, prima di trasferirsi poi al Colon in Argentina. Oggi a 38 anni vuole mettere la ciliegina sulla torta magari riportando la Reggina in B dopo tanti, troppi anni nell’anonimato.

🇦🇷El Tanque es aquì 📸Lillo D'Ascola #VaiReggina #QuestaVitaLaDedicoATe #ElTanque #Striker

A post shared by Reggina 1914 (@reggina_1914_ufficiale) on

Agliardi è una bandiera del Cesena

Un portiere che è diventato simbolo della rinascita del Cesena dopo il fallimento del club nell’estate 2018 e la rinascita dalla Serie D. Federico Agliardi, bresciano di nascita, ha sempre portato nel cuore la Romagna e l’ha fatto da grande professionista vincendo lo scorso campionato in quarta serie e puntando adesso ancora in alto per riportare subito il club romagnolo nella B che le compete. Un’impresa difficile ma non impossibile e lui ci metterà del suo. A 36 anni si sente ancora un ragazzino e nonostante le tante presenze in Nazionale Under 21 e in A (ben 89 e 126 in B) Agliardi si è messo a disposizione del tecnico Modesto con grande umiltà per rendere al meglio anche in questo campionato. Lo scorso anno in D ha lasciato la sua porta inviolata per ben 12 volte in 33 gare, quest’anno solo una volta. Ma c’è tempo per migliorare e rimettersi in carreggiata in un campionato come la Serie C.

Da Luca Rigoni a Loviso: centrocampisti da sogno

Originario di Schio e con diverse presenze in A, Luca Rigoni, a 34 anni, ha accettato le lusinghe del Vicenza, altra nobile decaduta del calcio italiano. Il centrocampista ex Chievo, Palermo, Genoa e Parma, ritorna al Vicenza dopo 11 anni. Un autentico jolly che ha fatto felice tanti allenatori negli anni per la sua capacità innata di inserimento che l’hanno portato a realizzare diversi gol in A.

Oggi la sua sfida si chiama Vicenza e sarà lui a guidare la squadra a tornare nuovamente in B e magari, chi lo sa, ambire anche ad un clamoroso ritorno in A. Come lui, anche Massimo Loviso, ex talento del Bologna e del Livorno di diversi anni fa, oggi è sceso in C per vivere l’esperienza di un campionato da vertice. Lo sta facendo nel Rende, in Calabria, nel girone C di Serie C dopo aver giocato e riportato lo scorso anno il Modena in C dalla D.

L’intramontabile Moscardelli ora vuole compiere la sua missione

Il sogno della B Davide Moscardelli, a 39 anni, l'ha già realizzato. Lui infatti, è stato l'unico, anche rispetto ai vari Tavano e Maccarone a raggiungerlo. Questi ultimi infatti vorranno prendere esempio dal Mosca per far tornare i propri club in cadetteria. Lui con il suo Pisa c'è riuscito lo scorso anno e ora ha come missione quella di lasciarlo in B e quindi raggiungere la salvezza, per poi appendere le scarpette al chiodo. Nel frattempo continua ad essere, oltre che un attaccante da doppia cifra, anche un uomo spogliatoio che tutti gli allenatori vorrebbero avere. Umile quanto basta e assolutamente di raccordo in un gruppo composto per lo più da giovani. Lui che tra A e B ha realizzato qualcosa come 87 gol, nell'annata del ritorno in serie cadetta dei toscani ha contributo nei playoff segnando ben 5 gol nonostante la panchina nell'ultima gara di ritorno contro la Triestina.