Non è un campionato semplice per la Sampdoria che mai come quest’anno ha iniziato la stagione in modo davvero inaspettato. Impelagata nella lotta per non retrocedere, i blucerchiati stanno provando a risalire la china soprattutto dopo l’arrivo di Ranieri che ha sostituito in panchina Eusebio Di Francesco dopo poche giornate. Il tecnico romano sta facendo di tutto per trovare gli uomini giusti per poter affrontare questa risalita. E pensare che solo qualche anno fa, la Sampdoria poteva contare su calciatori di grande spessore che da semplici sconosciuti sono diventati ben presto dei top player affermati in quasi tutti i massimi campionati europei. Da Skriniar, oggi baluardo dell’Inter di Conte, a Torreira, che all’Arsenal sta facendo benissimo, fino ad arrivare a Bruno Fernandes e Mauro Icardi, abbiamo provato a schierare l’11 titolare della Sampdoria con tutti i calciatori ceduti e che ora hanno un valore di mercato altissimo tale da arrivare a raggiungere, complessivamente, i 422 milioni.

Audero è l’unico della squadra attuale

Con un valore di mercato pari a 15 milioni di euro, in porta a questo autentico squadrone, abbiamo voluto inserire e dare fiducia a Emil Audero. L’estremo difensore doriano cresciuto nella Juventus e che sta facendo davvero benissimo. Una sicurezza testimoniata soprattutto dall’ottima stagione, quella dello scorso anno, che gli ha permesso anche di conquistare l’azzurro dell’Under 21. Un uomo di carattere che potrebbe essere assolutamente fondamentale anche in questa disperata rincorsa della Sampdoria in stagione per raggiungere la salvezza che ad oggi sembra essere complicata. Audero ha dimostrato grinta e soprattutto personalità, che non è poco per un ragazzo di soli 22 anni.

La Sampdoria senza le cessioni schierata in un 3–4–3 (Lineup11)
in foto: La Sampdoria senza le cessioni schierata in un 3–4–3 (Lineup11)

Difesa capeggiata da Skriniar senza dimenticare Mustafi

Nel 3-4-3 di partenza abbiamo dunque voluto costruire una difesa che ad oggi avrebbe fatto davvero comodo a Claudio Ranieri e che vede in Milan Skriniar il suo baluardo. Il difensore dell’Inter, che oggi ha un valore di mercato pari a 60 milioni di euro, giocando con la Samp da gennaio 2016 a luglio 2017, sarebbe affiancato a sinistra da Mustafi, un giocatore seguito in passato anche dalla Juventus e che oggi, con un valore di mercato pari a 18 milioni di euro, ha fatto benissimo all’Arsenal dopo aver giocato ottime stagioni anche con la maglia del Valencia. A destra invece uno degli ultimi gioielli della società blucerchiata venduto proprio lo scorso anno: il danese Andersen, ceduto al Lione l’estate scorsa per 24 milioni di euro con un valore di mercato di 25.

Torreira e Bruno Fernandes i gioielli a centrocampo

Ma il vero punto di forza di questo squadra può essere sicuramente considerato il centrocampo che può contare su giocatori di grande spessore come Alfred Duncan che in poco tempo si è guadagnato la fiducia di tutti in Serie A attirando poi nel 2015 le attenzioni del Sassuolo che dopo un iniziale prestito dalla stessa Samp l’ha poi acquistato per 6 milioni (oggi ne vale 17). Con lui a centrocampo anche Denis Praet che fino allo scorso anno giocava con i blucerchiati attirando anche lui le attenzioni della Juventus vogliosa inizialmente di puntare su di lui prima di virare poi su altri obiettivi. Il belga conta un valore di mercato pari a 24 milioni è l’estate scorsa è stato ceduto al Leicester per 21 milioni. Gioielli autentici invece sono Bruno Fernandes e Lucas Torreira.

Il primo ha avuto fino all’estate scorsa il corteggiamento serrato del Manchester City di Guardiola. E pensare che dopo la sua esperienza alla Samp terminata nel 2017 per via dell’acquisto del suo cartellino da parte dello Sporting Lisbona (squadra in cui attualmente milita) il portoghese ha raggiunto, oggi, un valore di mercato pari a 60 milioni. Al pari quasi del centrocampista uruguaiano dell’Arsenal che scoperto mediano da Oddo a Pescara, con i Gunners sta giocando davvero bene e lo confermano i suoi 55 milioni di valore di mercato attuale.

Attacco con Zapata e Correa a supporto della punta

Si conclude con l’attacco questa squadra che avrebbe fatto benissimo in Italia ma anche in un’ipotetica Europa League o Champions. Con Joaquin Correa a destra nel tridente offensivo, la Samp avrebbe avuto con l’attuale fantasista della Lazio, una freccia in più per il suo attacco. Lo spagnolo, con un valore di mercato attuale pari a 28 milioni di euro, è stato lanciato nel calcio professionistico proprio dalla Samp nel 2015 fino al 2016 quando, pescato dal club blucerchiato all’Estudiantes, fu prima ceduto al Siviglia per 18 milioni per poi passare alla Lazio nell’estate del 2018.

Il suo valore di mercato attuale è di 28 milioni di euro, qualcosa in meno di Duvan Zapata. Il colombiano sarebbe stato l’altro uomo in più di questo fantastico reparto. Il centravanti attualmente dell’Atalanta, con un valore di mercato di 45 milioni di euro, avrebbe contribuito al meglio con i suoi gol. In Liguria nella stagione 2017/2018, Zapata non ha lasciato il segno come ha fatto con la Dea che l’ha acquistato solo nell’estate del 2018 per 14 milioni di spesa di prestito.

Icardi a guidare il dream team blucerchiato

A guidare l’attacco Mauro Icardi che a Genova, sponda blucerchiata, ha iniziato la sua carriera poi decollata all’Inter prima dello strappo con la società che l’ha portato oggi al Psg. Con i blucerchiati Maurito realizzò 30 gol in 39 presenze prima di mettere a segno ben 124 gol in 219 presenze con l’Inter dal 2013 allo scorso anno. Oggi vale 75 milioni di euro, ma dato il rendimento eccellente in Francia, questo numero potrebbe anche salire. Questa Samp, complessivamente, varrebbe oggi ben 422 milioni di euro. Numeri davvero da capogiro.