È svanito in finale il "sogno Europeo" dell'Under 19 azzurra: l'Italia è stata sconfitta nell'ultimo atto della manifestazione continentale dal Portogallo per 4 a 3 in virtù di una doppietta Joao Filipe e le reti di Francisco Trincão e Pedro Correia che hanno reso vana la doppietta di Moise Kean e il goal di Gianluca Scamacca. A distanza di 15 anni i lusitani si sono presi la rivincita con la selezione azzurra e hanno conquistato il loro primo titolo europeo di categoria dopo le due finali perse nel 2017 e nel 2014.

Quella dell'OmaSP Stadion di Seinajoki è stata una gara davvero emozionante con continui colpi di scena e grandi giocate da parte di calciatori giovanissimi che hanno mostrato una grande personalità portando la finale ai supplementari e tenendo altissima la tensione fino al 120′. I ragazzi di Paolo Nicolato non hanno ceduto il passo anche sotto il doppio svantaggio e sono riusciti a "tenere botta"ad una squadra che nel primo tempo sembrava imprendibile e nella ripresa ha abbassato tanto il ritmo dopo la doppietta di Kean. Negli extra-time un po' di sfortuna e l'evidente differenza tecnica hanno portato alla sconfitta ma questi ragazzi potranno rifarsi già il prossimo anno con il Mondiale Under 20

Jota è imprendibile, azzurri sottotono

Il Portogallo è partito fortissimo con Joao Filipe, José Gomes, Quina e Florentino Luis che hanno messo paura a Plizzari ma il portierino azzurro non si è fatto sorprendere ed è riesciuto a respingere le insidie. Gli azzurrini sono un po' schiacciati e non riescono a ripartire in velocità: il protagonista per i ragazzi di Nicolato è sempre il numero uno con delle parate davvero impressionanti. L'estremo difensore del Milan ha effettuato un paio di interventi incredibili su Calvo, conclusione da 30 metri, e Francisco, tiro dal limite, blindando la porta azzurra in un inizio difficilissimo. L'Italia si è resa pericolosa intorno alla mezz'ora con un tiro di Frattesi ma Joao Virgina ha respinto la conclusione con un bel colpo di reni.

Al 45′ è arrivato il vantaggio di Joao Filipe, più conosciuto come Jota, che ha controllato la torre di Francisco Trincão e ha calciato verso la porta di Plizzari: il portiere azzurro non è stato molto preciso sul tiro dai 16 metri del numero 7 e ha visto la palla entrare in rete dopo una respinta poco decisa. Vantaggio meritato per il Portogallo che passa in vantaggio allo scadere del tempo dopo avere dominato quasi per intero la prima frazione di gioco.

Irrompe Kean, l'Italia è viva

La nazionale azzurra ha iniziato la ripresa con uno spirito molto più combattivo e con Moise Kean al posto di Andrea Pinamonti: un bel tiro di Melegoni al 48′ ha fatto tremare Joao Virginia ma la palla è uscita di pochissimo. Al 57′ Francisco Trincão ha sciupato il punto del 2-0 con un tiro alto da buona posizione ma al 71′ ha infilato la palla alle spalle di Plizzari dopo che il portiere azzurro aveva respinto un tiro da distanza ravvicinata di Joao Filipe.

Dopo pochi minuti è successo l'imponderabile: l'Italia ha trovato il pareggio con un doppietta del neo entrato Moise Kean che prima ha battuto Joao Virignia con un tiro dal limite di destro a incrociare, in seguito ad un colpo di tacco di Capone, e pochi secondi dopo insaccato da distanza ravvicinata su assist di Scamacca dalla fascia sinistra.

Pedro Correia decide la finale

Si va ai tempi supplementari e il Portogallo ha trovato il punto del vantaggio al 104′ con Jota, che ha battuto Plizzari con un tiro deciso e angolato dal limite. Subito dopo il cambio di campo è stato  Gianluca Scamacca a riequilibrare la gara sul 3-3 con un bel colpo di testa, su cross dalla destra di Bellanova, ma è stato Pedro Correia al 109′ a decidere la finale pochissimi secondi dopo il pareggio azzurro: palla a centro, dribbling, lancio, protezione e goal. Portogallo campione d'Europa Under 19.