A che altezza ha saltato da terra Cristiano Ronaldo per segnare in rovesciata alla Juventus? E' la domanda che tutti, da casa come allo stadio, si sono fatti quando hanno visto il campione portoghese staccare in quel modo ‘volando' sulla testa di De Sciglio. Oltre 2 metri e anche qualcosa in più… 2.20/2.30 metri. Il tuffo del portiere che vola da un palo all’altro e nega un gol, le giocate geniali dell’ala destra, le magie del ‘caro vecchio’ numero 10 quello che segna punizioni impossibili sono gesti tecnici bellissimi, memorabili. Ma forse quello più bello, quello che ha più fascino è la rovesciata.

Per mille motivi tutti quelli che giocano a calcio, sin da bambini, ma anche quando l’età non è più tenerissima, vorrebbero girarsi, volare, colpire al volo e mettere il pallone nell’angolino. Cristiano Ronaldo all’Allianz Stadium ha realizzato forse il gol più bello della sua carriera. CR7 ha colpito in modo perfetto e non ha lasciato scampo a Buffon. Un gesto tecnico che ha prodotto un gol che si può solo immaginare, come quello di Pelé nel film ‘Fuga per la Vittoria’, o uno di quelli che si vedevano in Holly & Benji.

CR7 segna sempre contro la Juve

La meraviglia di Ronaldo ha lasciato di stucco i giocatori della Juventus. CR7 ha ricevuto anche gli applausi dei tifosi bianconeri, che hanno mostrato grande sportività. Il cinque volte Pallone d’Oro ha segnato nella nona partita su nove in questa Champions League, e quelle consecutive a segno sono dieci (perché la serie l’ha aperta nella finale di Cardiff del 2017). I suoi numeri sono sempre stellari: 14 gol in questa Champions, 39 complessivamente realizzati in stagione. Con la Juve ha un rapporto molto speciale il portoghese. Perché il trentatreenne ha realizzato, con la doppietta dei quarti d’andata, nove gol alla Juventus e lo ha fatto tirando dieci volte in porta.

La rovesciata fenomenale di CR7

Dopo il primo gol al 3’, anch’esso molto bello, perché non era facile colpire in modo così rapido e così preciso, nella ripresa CR7 sfrutta un malinteso tra Chiellini e Buffon serve Lucas Vazquez, che ci prova, il tiro è respinto, il cross successivo diventa l’assist per il gol più della stagione. Cristiano Ronaldo segna un gol bellissimo in rovesciata. Per realizzarlo è andato letteralmente in cielo, perché ha colpito il pallone a un’altezza impressionante. CR7 ha superato i due metri d’altezza terra. Giustamente è stato applaudito. Per il gesto tecnico e per aver superato i due metri saltando in testa a De Sciglio, che sfiora il metro e novanta.

Air Ronaldo aveva già superato i due metri

Ma non è la prima volta che CR7 va in cielo per fare un gol. Nel 2014 in una gara di Coppa del Re con l’Osasuna fece la fortuna dei fotografi (e del Real) quando arrivò fino a 2.44 metri. Poi si è ripetuto nella semifinale degli Europei tra Portogallo e Galles, anche se il suo record non è riuscito a batterlo perché si è fermato a 2.42; che però in proporzione vale di più. Perché CR7 era di due anni meno giovane, giocava contro giocatori forti fisicamente e c’era in palio una finale degli Europei.

Lo studio su CR7, che ha la forza di un ghepardo

Un paio d’anni fa il Daily Mail pubblicò uno studio condotto dall’Università di Chichester sulla capacità di elevazione del campionissimo portoghese. All’epoca furono effettuati test bio-meccanici. I ricercatori calcolarono che l’energia prodotta dalle gambe è cinque volte superiore a quella di un ghepardo nella massima fase di slancio. Saltando da fermo CR7 può raggiungere il mezzo metro, mentre con una breve rincorsa può arrivare fino a 80 centimetri, potenzialmente ha una media migliore dei giocatori della NBA. Gli allenamenti quasi ossessivi hanno aiutato moltissimo il portoghese che cura molto la muscolatura delle gambe e la parte superiore del busto.