Un pareggio importante, ottenuto in trasferta con il gol. Ai fini del doppio confronto con il Milan c'è da essere soddisfatti adesso a Torino, la Juventus avrà due risultati su  tre da gestire per tornare in finale di Coppa Italia: o un pareggio a reti inviolate o una vittoria anche di misura. Nelle corde bianconere, contro un Milan che sarà decimato dalle assenze per i tanti squalificati. Tra cui ci sarà anche Ibrahimovic, lo ‘spauracchio' numero uno. Insieme a Theo Hernandez e Castillejo.

Per capitan Bonucci si tratta però di un bicchiere mezzo vuoto perché a San Siro si doveva vincere, non accontentarsi del pareggio che può soddisfare ma non può essere apprezzato da chi vuole restare protagonista in tutto. E' anche vero che la squadra arrivava da una settimana difficile, la sconfitta di Verona ha lasciato il segno soprattutto nel morale e che si è sfiorato il ko anche in Coppa Italia, ma per il centrale difensivo

Le difficoltà della Juve a San Siro

La vera Juventus si è vista solamente nel momento della difficoltà: con il  Milan in vantaggio di un gol e in inferiorità numerica per l'espulsione di Theo Hernandez. "Certo, è sempre importante fare gol in trasferta in una doppia sfida, ma non possiamo accontentarci di venire a San Siro col Milan, concedere troppo e dover recuperare solamente alla fine. Dobbiamo cambiare marcia, restare compatti. Serve qualcosa in più da parte di tutti". Per il difensore e capitano bianconero la squadra in campo deve cambiare marcia, restare compatta cercando tutti di darsi una mano anche a favore del tecnico Sarri in settimana sommerso dalle critiche.

L'assenza di Ibrahimovic? Sicuramente ci aiuterà. E' un grande campione, per il Milan sarà una perdita importante ma dobbiamo pensare a noi e crescere maggiormente

Gara positiva, finale a portata di mano

Per Bonucci la gara è stata positiva ma non sufficiente per pensare che i problemi siano passati in un lampo: "Abbiano fatto una buona gara, ma in questa fase dobbiamo fare qualcosa in più, mettendo in pratica quello che facciamo in allenamento durante la settimana e crescendo come squadra".

Il pareggio 1-1 a San Siro contro il Milan lascia la Juventus in corsa per tutto, con la finale di Coppa Italia ad un passo, uno scudetto in cui è sempre protagonista e una Champions con degli ottavi non irresistibili contro il Lione: "Siamo in corsa per tutto ma dobbiamo migliorare, soprattutto nella gestione della palla: muoverla veloce, non innamorarcene"