Dopo la bella vittoria di Napoli, altro test importante per l'Inter che sabato sera al Meazza affronterà la super Atalanta di Gasperini. Antonio Conte in conferenza stampa ha sottolineato le difficoltà della gara, complimentandosi con l'allenatore avversario. Il tecnico interista che ha dribblato le domande di mercato, ha evidenziato come la sua squadra sia l'unica che in questa stagione ha "sostituito e non aggiunto" come le altre big del campionato

Inter-Atalanta, i complimenti di Conte a Gasperini

Antonio Conte nella classica conferenza stampa della vigilia, ha parlato così di Inter-Atalanta, complimentandosi con il collega-avversario Gasperini: "Sicuramente sarebbe importante un risultato. Stanno facendo molto bene e continuano a crescere. L'Atalanta forse è più forte dell'anno scorso, stanno lavorando bene e negli anni aumentano la qualità della rosa. Continuano a migliorare sull'idea e sui dettagli. Un percorso di crescita importante, faccio i complimenti a Gasperini che fa del lavoro il suo cavallo di battaglia".

Altro testa importante dunque per la sua Inter, con Conte che si aspetta una partita molto fisica: "Mi aspetto una partita molto intensa, anche fisica e che sarà giocata con notevole intensità da entrambe le squadre. Per noi è un bel test e, ripeto, l'Atalanta è molto difficile da affrontare. Noi, però, dobbiamo essere contenti di quello che stiamo facendo. Certo dobbiamo migliorare su intensità e pressione in tutta la partita. L'Atalanta è avanti e mi aspetto una gara bella. Ci stiamo preparando bene, ma anche loro".

Inter, Conte tra campo e mercato

Conte ci tiene a sottolineare ancora una volta la bontà del cammino dell'Inter fino a questo momento: "Le polemiche sul gioco? Ognuno vede il calcio come vuole, noi andiamo avanti per la nostra strada per dare soddisfazioni ai tifosi. Ribadisco, come faccio dall'inizio, che l'Inter è l'unica che ha sostituito e non aggiunto. Tutte le altre hanno solo aggiunto. Quindi il gap sarebbe dovuto aumentare, invece stiamo facendo bene".

Gennaio è il mese del mercato e per l'Inter è un momento importante. I nerazzurri stanno cercando uno-due tasselli per completare l'organico in vista del lungo duello Scudetto con la Juventus: "Il mese di mercato è sempre un po' particolare, serve essere intelligenti e capire che ci possono essere tantissime voci. Bisogna dare il giusto peso alle notizie, per noi allenatori è un po' difficile perché escono fuori cose non vere". Tra Vidal e Eriksen non si sbilancia: "Non voglio essere scortese ma non parlo di mercato. Da qui a fine anno lo farà solo il club".

Il bentornato di Conte a Ibrahimovic

In chiusura di conferenza stampa, Antonio Conte ha dato anche il suo bentornato in Italia a Zlatan Ibrahimovic, che il 9 febbraio si ritroverà di fronte come avversario nel derby di Milano: "Do il bentornato a Ibrahimovic, ho provato a portarlo al Chelsea a quei tempi ma non se l'è sentita dopo l'infortunio. Può dare tanto a livello di personalità al Milan responsabilizzando l'ambiente. Per un allenatore è importante avere giocatori che trasferiscano i tuoi valori al gruppo".