Leggendo la formazione del Sassuolo che ha sfidato la Juventus è saltato subito all'occhio un nome, anzi un cognome: Turati. In parecchi si sono chiesti chi fosse questo portiere che a 18 anni farà il suo esordio in Serie A allo Stadium, contro Cristiano Ronaldo e Gonzalo Higuain. Un debutto che non dimenticherà mai. E non solo per il risultato, che ha rischiato di essere clamoroso (2-2, con i bianconeri che hanno pareggiato solo su rigore), ma soprattutto per la prestazione che lo ha incoronato quale protagonista assoluto per aver compiuto un paio d'interventi ‘miracolosi' sia su CR7 sia su Dybala. Tutto come in un favola… e pensare che nemmeno avrebbe dovuto giocare.

All'inizio ero molto emozionato, mi sono sbloccato dopo un filtrante per Locatelli – ha ammesso a Dazn -. E' stata una emozione incredibile e una sensazione enorme, mi sento come in una bolla…

La scelta di De Zerbi, Turati titolare contro la Juventus

Nella conferenza stampa della vigilia il tecnico del Sassuolo aveva anticipato il probabile forfait del portiere titolare Consigli, è assente anche il suo vice Pegolo (che ha subito una frattura al dito). In ballottaggio per il posto da titolare c'erano Turati e Russo, classe 2001 preso in estate dal Genoa. La scelta è stata fortunata, a giudicare da come sono andate le cose. "Vediamo Consigli, che ha un problema muscolare e non si è allenato oggi: se correremo dei rischi, non giocherà. Se non ce la fa giocherà uno tra Turati o Russo", aveva detto il tecnico nell'immediata vigilia quasi anticipando il cambio obbligato. E De Zerbi tra i due diciottenni ha preferito Turati che così non dimenticherà mai il suo esordio in Serie A, reso ancora più speciale dall'avversario la Juventus di Ronaldo.

Sono arrivato sabato mattina a fare allenamento al Mapei Center – ha poi raccontato il ragazzo nelle interviste del dopo gara -. Ero appena tornato dalla partita contro la Roma con la Primavera e ho saputo lì che forse avrei giocato.

Chi è Stefano Turati, l'eroe contro la Juventus

De Zerbi non ha scommesso su Turati, ma lo ha scelto perché questo ragazzo che è nato nel settembre del 2001, e che quindi è da poco maggiorenne, è un portiere dal sicuro avvenire. Quest'anno ha giocato molto poco con la Primavera, 3 partite e 10 gol incassati, perché con l'infortunio di Pegolo è stato promosso in prima squadra in pianta stabile. Ma nonostante le poche presenze si è guadagnato la convocazione con la nazionale Under 19 dell'Italia.

Tra Turati e Buffon 23 anni di differenza

Probabilmente è un record quello che stabiliranno assieme Buffon e Turati. Perché oggi Sarri schiera il portierone bianconero che tra meno di due mesi compirà 42 anni e ne ha 23 in più di Turati. Quando Turati, il giovane numero uno del Sassuolo nasceva, Buffon difendeva già i pali della Juventus, era il 2001.