Colpire l’ex ct della Nazionale Italia, Giampiero Ventura, e diventare un punto fermo della Salernitana che punta ad un miracoloso ritorno in A. Il campionato cadetto di Fabio Maistro, centrocampista classe 1998, è assolutamente da incorniciare. Entrato in punta di piedi nella rosa granata, arrivato in prestito dalla Lazio che l’estate scorsa l’aveva prelevato dal Rieti per 300mila euro, questo giocatore ha subito fatto vedere le sue qualità. Cresciuto nel settore giovanile della Fiorentina, l’ex viola colpì anche l’ex tecnico dei toscani Paulo Sousa che nel 2016 lo portò in panchina più volte con la prima squadra prelevandolo dalla Primavera. Qualche problema di troppo alla schiena ha però frenato tanto gli ultimi due anni nel vivaio Viola prima di approdare in C prima al Gavorrano e poi appunto al Rieti. Oggi con i campani sta facendo benissimo e per il mercato di gennaio ci sono già diverse squadra di A pronte a contenderselo e bussare alla porta di Lotito per ottenere almeno il prestito.

La crescita nel vivaio della Fiorentina e gli apprezzamenti di Sousa

Fabio Maistro nasce a Rovigo il 5 aprile 1998 e conosce il grande calcio quando entra a far parte della Primavera della Fiorentina. Il centrocampista Viola si mette subito in mostra, specie nel 2016 quando nel vivaio dei toscani militava anche il figlio di Hagi. Un percorso importante che verrà subito apprezzato da Paulo Sousa, l’ex tecnico della Fiorentina che lo convocò per la prima volta nella sfida contro il Genoa a ‘Marassi’. Un primo passo importante che ebbe subito un dolce sapore per il giovane Fabio che presto si ritagliò uno spazio importante nella squadra di mister Guidi che gli affidò le chiavi del centrocampo. Un giocatore apprezzato da molti ma che però dovette fermarsi quasi subito e rallentare la sua crescita.

🐶😂

A post shared by Fabio Maistro (@fabiomaistro23) on

Problemi fisici ma tanta gavetta per rialzarsi in C

La sua carriera però, nonostante le ottime premesse con Sousa, ha subito qualche rallentamento di troppo. Un infortunio alla schiena infatti l’ha tenuto fermo nelle ultime due stagioni alla Fiorentina segnando un pò il suo percorso nel vivaio. A quel punto cominciò dunque a farsi le ossa nel campionato di Serie C, precisamente nel Gavorrano. Solo 9 presenze complessive nella stagione 2017/2018 prima dell’exploit dello scorso anno a Rieti in cui è riuscito a totalizzare ben 35 presenze consentendo al club laziale di salvarsi anche grazie al suo contributo di 5 gol e 2 assist. Numeri che subito hanno strizzato l’occhio di diversi club, colpiti sopratutto dal suo modo di giocare così completo ed equilibrato che ben presto sarebbero stati apprezzati al meglio.

🍀👑 #testaaltasempre

A post shared by Fabio Maistro (@fabiomaistro23) on

Qualità importanti da centrocampista completo

Maistro è infatti uno di quei centrocampisti completi, dotati di un ottimo piede destro ma che non disdegna l’utilizzo del mancino quando serve. Dotato di grande dinamismo e con un’importante attitudine al sacrificio Maistro è diventato ben presto una mezzala moderna, capace di sdoppiarsi con pari efficacia in entrambe le fasi, facendo anche dell’inserimento una delle sue armi segrete. E non è da sottovalutare anche il suo fisico. Maistro è infatti alto un metro e ottanta con una struttura longilinea che gli permette di stare bello dritto in campo e con la testa sempre alta. Il giocatore riesce ad abbinare al meglio il giusto mix tra rapidità e resistenza organica. Doti che hanno inevitabilmente colpito un intenditore di calcio come Giampiero Ventura che oggi se lo sta godendo nella sua Salernitana che nonostante i risultati altalenanti punta ad un posto importante nell’attuale classifica di Serie B.

Lazio, Salernitana e ora le lusinghe di diversi club di A

L’arrivo alla Salernitana però è arrivato, come spesso capita per altri giocatori granata dato che si tratta della squadra satellite, tramite la Lazio. Il club di Lotito ha infatti sborsato ben 300mila euro lo scorso anno per assicurarselo e girarlo in prestito ai granata in B. Nello spogliatoio di Ventura, Maistro c’è entrato in punta di piedi ma ben presto è diventato un punto fermo nello scacchiere tattico dell’ex Ct che non riesce proprio a rinunciare a lui. Ben 12 presenze in B al momento e 1 gol realizzato all’Entella nel vittorioso 2-1 della Salernitana lo scorso 2 novembre. Un giocatore dunque di spessore che si è consacrato definitivamente e che adesso ha attirato a sé le attenzioni di diversi club di Serie A che a gennaio vorrebbero averlo. Su tutte Lecce e Verona che avrebbero bisogno di rinforzare il proprio organico in vista del decisivo girone di ritorno in chiave salvezza. Così come la Spal con Semplici che avrebbe dato il suo via libera per l’assalto al giocatore che ha un valore di mercato attuale di 150mila euro. Non tantissimi per potersi assicurare un vero e proprio gioiello.

@ussalernitana1919official 🇱🇻 #salfro

A post shared by Fabio Maistro (@fabiomaistro23) on