Capitan Futuro è il presente: Daniele De Rossi spizzica su un corner in area piccola di Kolarov e tanto basta per fermare la Sampdoria del goleador Quagliarella. Una vittoria fondamentale per rimettere qualche radice nella bufera: Claudio Ranieri ha ottenuto un risultato prestigioso, per qualche giorno allontana l'aria di polemica che era già dietro l'angolo e la squadra ritorna in zona Champions League (oggi a -1 dal Milan). Per i blucerchiati tantissimo da recriminare per aver sbagliato sullo 0-0 almeno tre limpide occasioni per portarsi in vantaggio.

La Roma ‘giovane' di Ranieri per tornare alla vittoria

Ultima fermata, Genova. Per Claudio Ranieri la sfida di Marassi rappresenta il test finale per capire se possa continuare a rimanere sulla panchina giallorossa che scotta sempre più. E per passare l'esame, il tecnico cambia interpreti affidandosi all'ex Schick unico ‘puntero' aiutato da un tridente che vede in Zaniolo e Kluivert i terminali laterali con Pellegrini nel mezzo. Una squadra giovane per dare un segnale forte a tutti. Anche alla Samp di Quagliarella, affiancato da Defrel, che prova a stccare l'ennesimo tagliando per la classifica marcatori.

Quagliarella e Defrel, occasioni mancate

La prima frazione di gioco però dà ragione soprattutto ai padroni di casa, maggiormente sul pezzo e meno appesantiti psicologicamente dalle tante pressioni che affossano le idee dei giallorossi. Quagliarella potrebbe sbloccare il risultato quasi subito, quando al 5′ aggancia e tira in area ma senza trovare lo specchio della porta. Poi, al 24′ ci pensa Defrel (altro ex di serata) a scaldare i guanti a Mirante chiamato ad una straordinaria parata.

Buio Roma, mai pericolosa

La Roma non c'è, fatica a costruire e a tener possesso di palla: Schick mai pericoloso in area doriana, con l'unico acuto che arriva dalla mediana quando Cristante al 35′ sfiora il gol dl vantaggio romanista. Prima e dopo, buio quasi totale: 38 per cento di possesso, tre tiri in totale di cui uno solo nello specchio, metà di passaggi completati eseguiti dalla squadra di Giampaolo.

La Samp cala, la Roma ci crede

Maggior intraprendenza giallorossa nella ripresa: non avendo nulla da perdere gli uomini di Ranieri ci mettono maggior convinzione e iniziano a scrollarsi di dosso le pressioni. La Samp non alza i ritmi, ha il demerito di non cambiare il corso del match a proprio favore e la Roma prende confidenza. Quando Saponara al 56′ sbaglia l'ennesimo colpo del ko, i capitolini provano a crederci.

De Rossi rompe l'incantesimo

Così arriva la beffa quasi sul finale quando Ranieri getta nella mischia anche Dzeko e El Shaarawy: corner di Kolarov, spizzicata di testa sotto misura di capitan De Rossi ed esultanza da mille e una notte per i giallorossi. Il giocatore maggiormente rappresentativo, scuote l'ambiente, trova un vantaggio preziosissimo e rilancia le ambizioni di vittoria con Audero già decisivo qualche istante prima su Schick.