Nel caos di queste ore a Barcellona spunta il nome di un allenatore italiano. Al club catalano infatti, alle prese con il caso del possibile esonero di Ernesto Valverde, è stato proposto da alcuni intermediari di mercato Massimiliano Allegri. L'ex mister della Juventus, insieme a Mauricio Pochettino, Quique Setien, e  Javier García Pimienta rientra tra i possibili successori del tecnico finito sulla graticola dopo il tonfo con l'Atletico in Supercoppa.

Caos Barcellona, Valverde resta a rischio esonero

Sono ore calde a Barcellona. La sconfitta in rimonta contro l'Atletico in Supercoppa ha fatto ripiombare Ernesto Valverde nell'occhio del ciclone. Le indiscrezioni sul possibile esonero del mister sono state confermate dai contatti del presidente Bartomeu con il grande ex Xavi che avrebbe dato però la sua disponibilità a tornare da tecnico a Barcellona solo per la prossima estate. Situazione tutt'altro che chiara in casa blaugrana con Valverde che solo oggi ha ripreso gli allenamenti dopo il ko di giovedì di Jeddah, prima dell'incontro decisivo con la dirigenza.

Massimiliano Allegri proposto al Barcellona

Nel frattempo non si placano i rumours sui possibili sostituti dell'allenatore spagnolo in caso di esonero. Secondo quanto riportato dal Mundo Deportivo, ci sarebbe anche Massimiliano Allegri nella lista del patron Bartomeu. L'allenatore toscano, fermo ai box dopo la conclusione della sua esperienza alla Juventus, è stato proposto al club blaugrana da alcuni intermediari di mercato. Questi ultimi infatti hanno comunicato al Barça che Max sarebbe stato pronto a valutare positivamente una proposta dei catalani, al contrario di quanto fatto nella scorsa estate, ma anche negli ultimi mesi con le offerte ricevute dall'Italia e dall'estero.

I possibili eredi di Valverde al Barcellona

Oltre all'ex di Juventus e Milan, ci sono anche Mauricio PochettinoQuique Setién  e Javier García Pimienta. La sensazione è che entro la giornata di domani potrebbero arrivare novità importanti in casa Barcellona, con Bartomeu che in caso di addio a Valverde non perderebbe tempo per individuare il sostituto. Quest'ultimo avrebbe così il tempo di prendere confidenza con l'ambiente, a circa un mese dal ritorno in campo in Champions, contro il Napoli