Il Napoli a vita. Per Dries Mertens la proposta del club partenopeo si può sintetizzare in queste poche parole. Dopotutto il belga è diventato parte integrante della realtà azzurra, ha contribuito a rendere reale il sogno di una squadra competitiva, ha realizzato gol entrando nella storia del Napoli e ancora non è fermato.

Nè vorrebbe farlo ed è per questo che l'ultima tentazione da parte della società di Aurelio De Laurentiis ha il sapore di una ‘consacrazione' per il trequartista belga trasformatosi in uno dei migliori realizzatori di sempre: la proposta è concreta con altri tre anni di contratto, in pratica un accordo che legherebbe il giocatore al Napoli fino a fine carriera.

Il contratto a vita: altri tre anni

La sensazione è che il matrimonio si possa prolungare senza alcun problema in un'ottica di collaborazione e consenso. Anche sotto Carlo Ancelotti, Dries Mertens si sta dimostrando essenziale, sollevando squadra e allenatore dal problema del gol che attanaglia da sempre i ‘nove' azzurri. Milik è ancora in difficoltà, Llorente si sta ambientando dando sprazzi di utilità offensiva ma la certezza resta il belga. Così, la politica di De Laurentiis continua senza intoppi, confermando i giocatori più importanti.

Prolungamento e addio alle proposte di mercato estero

Dries Mertens dovrebbe avere un contratto con gli stessi attuali emolumenti, 4 milioni netti a stagione con l'obiettivo di prolungare però la conclusione del rapporto attuale posticipandola di altre tre stagioni.  Un contratto a vita, dunque, perché sarebbe l'ultimo importante in carriera per il belga. Più lontane, dunque, le sirene del calciomercato estero. L'ultima estate Mertens era stato contattato per giocare in Cina e ha avuto qualche proposta dall'America per la MLS, tutte rispedite al mittente per restare a giocare a Napoli.