La febbre per il possibile ritorno di Zlatan Ibrahimovic al Milan continua a salire ora dopo ora. A pochi giorni dall'impegno dei rossoneri a Parma, le ultime notizie di calciomercato parlano di una trattativa che sta procedendo in maniera positiva. Dopo la prima offerta del club di via Aldo Rossi (6 milioni netti per i prossimi 18 mesi), che Mino Raiola ha inoltrato allo svedese, l'attesa è tutta per il prossimo incontro tra le due parti: un appuntamento al quale potrebbe essere presente anche lo stesso Zlatan Ibrahimovic.

Non ci sono ancora conferme sullo sbarco del giocatore per il summit, la cosa certa è però che la sua risposta arriverà nei primi giorni di dicembre: più o meno in contemporanea con l'incontro che si svolgerà a Casa Milan nei prossimi giorni. Secondo il quotidiano ‘La Repubblica', per cercare di convincere Ibrahimovic il club milanese potrebbe concedere al giocatore dei bonus più alti in caso di raggiungimento di obiettivi personali e della squadra.

La riflessione di Zlatan

La decisione è dunque solo ed esclusivamente del giocatore che, dopo due stagioni negli States e l'esperienza con lo United (compromessa dall'infortunio al ginocchio), vuole valutare a fondo l'opportunità di rientrare in un campionato decisamente più impegnativo all'età di 38 anni. Per venire incontro ulteriormente al ‘Gigante di Malmoe', il Milan sarebbe disposto ad offrire un accordo che permetterebbe a Ibrahimovic di finire questa parte di stagione rimanente e valutare serenamente le sue condizioni fisiche a maggio e, nel caso, interrompere il rapporto di lavoro con un anno di anticipo.

La denuncia per le minacce di morte

Dopo gli atti vandalici dei tifosi del Malmoe, infuriati per il recente annuncio dell'acquisto di quote societarie dell'Hammarby (club storicamente rivale), l'ex capitano della nazionale svedese ha intanto presentato denuncia per le minacce di minacce di morte a stampo razzista. La conferma è arrivata dalla polizia locale: "È stata aperta un'inchiesta per atti di vandalismo e minacce di natura razzista e Zlatan Ibrahimovic è parte civile".