Dopo aver provato nuovamente la gioia della convocazione per la trasferta di Roma, Marko Pjaca è pronto a lasciarsi alle spalle i tanti problemi fisici e a ripartire. Il ventiquattrenne croato, arrivato alla Juventus per 23 milioni di euro nell'estate del 2016, conta infatti di riprendersi con gli interessi ciò che la sfortuna gli ha tolto prima durante la parentesi bianconera poi nell'ultima esperienza alla Fiorentina, dove ha nuovamente dovuto entrare in infermeria per la rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro.

Legato al club campione d'Italia da un contratto fino al 2021, l'ex stella della Dinamo Zagabria pare però destinato ad andare nuovamente in prestito. Davanti alle difficoltà di un suo possibile inserimento in pianta stabile nel gruppo di Maurizio Sarri, la società juventina starebbe infatti valutando l'ipotesi di girare il giocatore ad un altro club per fargli prendere confidenza con il campo.

La Germania chiama Pjaca

Il direttore sportivo Fabio Paratici è dunque al lavoro per trovare una sistemazione a Marko Pjaca. In stretto contatto con il procuratore del croato, Marko Naletilic, il dirigente bianconero sta infatti cercando di capire quale potrebbe essere la soluzione migliore per lo sfortunato attaccante. Le ultime ipotesi parlano di un trasferimento in prestito all'estero: magari proprio in Germania, dove Pjaca ha già giocato con la maglia dello Schalke 04 dal gennaio 2018 al successivo mese di agosto.

In attesa di capire quale sarà il suo futuro, il classe '95 croato guarda intanto agli ultimi impegni di quest'anno con l'obiettivo di scendere in campo e provare a mettersi in mostra prima dell'eventuale nuovo trasloco. L'ultima parola spetterà a Maurizio Sarri, che in occasione delle sfide con Udinese e Sampdoria potrebbe regalare al ragazzo qualche minuto di gara.