Insieme a Inter-Roma, la sfida tra la lanciatissima Lazio e la Juventus campione d'Italia è il piatto forte della quindicesima giornata di campionato. Uno dei sogni di mercato dei bianconeri, ovvero Sergej Milinkovic-Savic, ha parlato proprio della partita a poche ore dal fischio d'inizio dello stadio Olimpico: "Sono ancora la squadra da battere, ma se giochiamo come sappiamo fare noi, possiamo metterli in difficoltà".

"Poi non so se potremo batterli o no – ha aggiunto, nell'intervista rilasciata a Dazn, il forte centrocampista serbo – Adesso secondo me loro non attraversano un momento tanto positivo, quindi è una cosa a nostro favore. Stiamo preparando la partita in maniera diversa rispetto a tutte le altre. Svolta della stagione? La partita con la Fiorentina e quella contro il Milan, hanno dato una spinta in più. Siamo cambiati mentalmente. Il mio nuovo ruolo? Quest'anno gioco più dietro, devo essere più sereno perché in quella posizione non posso sbagliare. Sono cambiato più mentalmente che tecnicamente, guardo anche le partite in modo diverso".

Il possibile rinnovo per Milinkovic-Savic

Ancora poche settimane e con la riapertura ufficiale del mercato invernale, il nome di Sergej Milinkovic-Savic potrebbe tornare a riempire le prime pagine dei giornali italiani e non. Il ventiquattrenne serbo, per il quale Claudio Lotito ha sempre chiesto una cifra intorno ai 100 milioni di euro, piace e non poco alla dirigenza della Juventus che già in passato aveva fatto alcuni sondaggi per poter arrivare al biancoceleste.

Ancora sotto contratto con la Lazio per altri quattro anni, e in attesa di un ipotetico rinnovo milionario (che potrebbe anche includere una clausola rescissoria di 120/150 milioni), il giocatore di Simone Inzaghi ha comunque lasciato una porta aperta al club bianconero: "Io titolare alla Juventus? Boh, bella domanda – ha concluso – Per adesso sono alla Lazio e penso solo a questo, poi non si sa mai…".