Con la firma di Dejan Kulusevski, la Juventus ha dato il via ad un progressivo restyling della rosa. L'obiettivo della dirigenza bianconera è soprattutto quello di ringiovanire la squadra e garantirsi un futuro con l'innesto di nuovi e giovani campioni. In quest'ottica rientra anche il nuovo colpo invernale del club campione d'Italia: quello di Jean-Claude Ntenda. Il classe 2002, prelevato dal Nantes, è infatti sbarcato a Torino nelle scorse ore per le visite mediche e per la firma sul contratto che lo legherà alla Juventus per i prossimi anni.

Chi è Jean-Claude Ntenda

Nato a Champigny-sur-Marne, una delle Banlieu a sud-est di Parigi, Ntenda si è messo in luce con le giovanili del Nantes e ha già indossato la maglia della Nazionale francese U17 e U18. Paragonato in patria a Benjamin Mendy, terzino del Manchester City, ha trovato la sua consacrazione dopo il suo spostamento da esterno d'attacco a difensore. "Mi hanno detto che avevo le qualità per fare quel ruolo, ho provato in allenamento e ha funzionato. Difendo di più, anche se è un ruolo che richiede un maggior dispendio di energie", ha spiegato poche settimane fa prima dell'interesse mostrato dai bianconeri e da molti altri club europei.

L’arrivo di Ntenda allo JMedical
in foto: L’arrivo di Ntenda allo JMedical

Due innesti per la Primavera di Zauli

Per strappare Ntenda alla concorrenza, la Juventus ha dovuto infatti giocare d'anticipo e blindare il ragazzo prima del previsto. Il suo inserimento in prima squadra avverrà però con calma. Per evitare di bruciarne le tappe, Paratici e gli altri dirigenti hanno infatti deciso di affidarlo a Lamberto Zauli: tecnico della Primavera bianconera. Insieme a Ntenda, farà parte della squadra ‘baby' anche un altro nuovo acquisto: Yannick Cotter, esterno offensivo svizzero di 18 anni, prelevato dai bianconeri dall'Olympique des Alpes SA/FC Sion.