Il mancato accesso alle semifinali di Champions League è una ferita che ancora brucia per la Juventus. Riprogrammare la prossima stagione con la convinzione di essere nuovamente pronti per rimettersi in gioco nella competizione tanto ambita dal popolo bianconero, è un’impresa ardua. La sensazione è che non basterà più puntare tutto su Cristiano Ronaldo, ma bisognerà creare una squadra che attorno a lui riesca a limare meccanismi di gioco e di testa capaci di poter mettere alle corde avversari ben più abituati al palcoscenico Champions. Certo, bisognerà capire innanzitutto quali saranno le intenzioni della società: con o senza Allegri? Di recente si è parlato di contatti continui con Guardiola e c’è da credere che tutto potrebbe succedere quando c’è la Juventus di mezzo.

Staremo a vedere. Nel frattempo Paratici, che già si è assicurato Ramsey, sta comunque cercando di chiudere trattative per giocatori che possano fare al caso del tecnico della prossima stagione con un profilo unico per tutti: dei campioni con fame di vittoria. E così abbiamo voluto schierare in un 3-5-2 gli 11 obiettivi di mercato della Juventus (che ovviamente non possono essere acquistati tutti) evidenziando in basso i calciatori che attualmente occupano quella posizione nella Juve del presente e anche del prossimo anno. L’unico ruolo che non avrà mutazioni è il portiere.

Una difesa completamente da rifondare

Non ce ne voglia Giorgione Chiellini che solo Allegri sa quanto sia mancato nel ritorno contro l’Ajax, ma la difesa della Juventus ha bisogno di essere rifondata subito, almeno dal punto di vista dell’età. I 34 del centrale toscano, i 32 di Bonucci e la crescita lenta e non sempre convincente di Rugani, spanno spingendo sempre di più la Juventus a puntare molto sull’inserimento di 1/2 difensori, senza considerare che numericamente, in caso di partenza della stesso Rugani, 2 sarebbe il numero giusto. I nomi più caldi, ma difficili da raggiungere, sono quelli di Varane e Otamendi.

Il rendimento e la carriera di Manolas (Transfermarkt)
in foto: Il rendimento e la carriera di Manolas (Transfermarkt)

Il primo è valutato più di 100 milioni dal Real nonostante i 25 anni di età siano un sicuro investimento. Il secondo invece, più abbordabile come prezzo (45 milioni) sarebbe più facile da raggiungere visto che è finito ai margini del progetto Guardiola, ma a 31 anni non è un affare. Meglio allora concentrarsi su chi all’80% arriverà come Kostas Manolas, pronto a prendersi un ruolo importante nell’eventuale terzetto con Bonucci e Chiellini senza dimenticare De Ligt che a 18 anni, anche per una cifra di 80/90 milioni, sarebbe un sicuro affare. Per il momento però c'è l'ufficialità arrivata proprio dal presidente Preziosi, dell'acquisto dal Genoa del giovane Romero. Un primo tassello per la retroguardia che numericamente sarà importante.

Le fasce sono la zona più delicata in questo momento

Si pensava che con i 45 milioni spesi in estate dalla Juventus per prendere Cancelo, si fosse finalmente trovato un esterno degno di questo nome. Ma le enormi lacune difensive del portoghese hanno lasciato perplessa la dirigenza che però punta lo stesso su questo ragazzo. L’eventuale partenza di Cuadrado e il possibile utilizzo della difesa a 3, potrebbe portare la Juventus a giocare con un esterno alto che non per forza può essere Cancelo.

Da quella parte infatti, Paratici si sta concentrando molto sull’acquisto di Chiesa. Un’operazione che potrebbe portare i bianconeri a spendere anche 100 milioni di euro. Dall’altra invece, visti i continui pressing del Psg, Alex Sandro sarebbe pronto a salutare i bianconeri con Spinazzola già pronto però, servirà un altro esterno e tutto fa pensare che Paratici voglia sondare la pista Grimaldo.

L’11 di formazione degli obiettivi di mercato estivi della Juventus schierati in un 3–5–2 (LineUp11)
in foto: L’11 di formazione degli obiettivi di mercato estivi della Juventus schierati in un 3–5–2 (LineUp11)

Quante idee a centrocampo

Più che idee sono supposizioni quelle che la Juventus sta vagliando per provare a capire come muoversi al meglio a centrocampo per far quadrare i conti e magari sacrificare anche un big nel reparto. Con Bentancur e Matuidi sicuri della permanenza, anche Emre Can dovrebbe rimanere al suo posto. Più probabile l’addio di Khedira e anche quello clamoroso di Pjanic. Per il bosniaco c’è Zidane che spinge per averlo al Real Madrid e allora ecco che Paratici sta pensando a un altro colpo a sorpresa: Rabiot.

Il valore di mercato attuale di Rabiot (Transfermarkt)
in foto: Il valore di mercato attuale di Rabiot (Transfermarkt)

La pista che porta il francese alla Juventus si è raffreddata tempo fa, forse strategia chi lo sa, ma lo scarso impiego nel Psg di Tuchel e la rottura totale con la società parigina, hanno riaperto le trattative con il talentuoso centrocampista. Incassare 80/90 milioni dalla cessione di Pjanic e prendere Rabiot a zero dato che a fine anno si svincolerebbe dal Psg. Un affare clamoroso con introiti per la Juventus da sogno.

Per Ndombele, che può essere più che altro un’alternativa a Matuidi, solo un timido interesse, quasi un piano B che il Lione cederebbe volentieri ai campioni d’Italia. Questione Zaniolo? La Roma pare possa riuscire a blindare il gioiellino almeno per un'altra stagione.

I top player per aggiungere ulteriore qualità alla rosa

Non basta Cristiano Ronaldo per vincere la Champions e questo la Juventus l’ha capito. Paratici e Agnelli stanno dunque sondando il terreno per aggiungere maggiore qualità alla rosa e i nomi per prendere l’ennesimo top player, al momento, sono due: Eriksen o James Rodriguez. Il Tottenham, in piena semifinale Champions, non vorrebbe privarsi del suo uomo con maggiore qualità e il prezzo fissato è superiore ai 100 milioni e il Real ha già un mezzo accordo col calciatore.

Meglio allora puntare, per rinforzare anche gli altri reparti, su un giocatore che non ha costa elevatissimo ma che è a caccia di riscatto: James Rodriguez. Il sostituto perfetto anche al posto di Dybala (se l’argentino dovesse partire) che con un Ramsey già in rosa sarebbe assolutamente sublime. Con 50 milioni di euro, anche qualcosa in meno, l’affare andrebbe in porto e la Juventus si porterebbe a casa il talento colombiano che a 28 anni sarebbe nel pieno della sua carriera.

Icardi è il nome più caldo per l’attacco

Davanti, con l’intoccabile Cristiano Ronaldo, l’unico sicuro della permanenza, al momento, sembra essere Bernardeschi con Kean, per il resto tutti all’asta. Da Dybala a Mandzukic passando per Douglas Costa. Ecco, proprio una punta servirà alla Juventus che sta sondando in maniera concreta Icardi. L'Inter non vuole scendere sotto quota 80 milioni (la clausola c'è ancora ed è di 110 milioni), mentre la Juventus non va oltre i 60.

⚽️⚫️🔵 #MI9 . . 📸 @claudiovillaphotographer

A post shared by Μαυʀɸ Iϲαʀδι – MI9 (@mauroicardi) on

A questo va aggiunto che sulla formula di pagamento ci sarà ancora da discutere. La Juventus ha dalla sua che super offerte dalle big d’Europa non ne sono arrivate e che la richiesta di ingaggio fatta da Wanda Nara (10 milioni) non può essere soddisfatta dai nerazzurri. Un affare dunque, tutt’altro che tramontato.

Profilo e carriera di Isco (Transfermarkt)
in foto: Profilo e carriera di Isco (Transfermarkt)

La suggestione per l’attacco potrebbe essere anche quella di accontentare Zidane con Pjanic e far fare il percorso inverso a Isco in direzione Torino. Pupillo del tecnico francese, il giocatore vorrebbe cambiare aria. L’arrivo eventuale di Eriksen ai Blancos potrebbe spianare la strada per la trattativa in un affare che porterebbe la Juventus a sborsare 80 milioni di euro.