Non è un bel periodo per Ivan Rakitic. Il centrocampista croato è sempre più ai margini del progetto Barça ed è stato superato da molti compagni nelle gerarchie di Ernesto Valverde: quando nella scorsa estate il numero 4 blaugrana veniva accostato a diverse squadre europee probabilmente c'era già il sentore di questa situazione. Rakitic è stato spesso inserito nelle liste dei sogni di Juventus e Inter e secondo quanto riportato dalla testata croata 24Sata Cristiano Ronaldo avrebbe chiamato il calciatore del Barcellona, per convincerlo a trasferirsi a Torino.

I numeri di Rakitic della stagione 2019/2020

Il suo posto di mezzala è sempre occupato da Frenkie de Jong accanto a Sergio Busquets e Arthur e Arturo Vidal vince sempre la concorrenza con Rakitic come giocatore da inserire a partita in corso. Durante questa stagione, il croato ha collezionato 5 presenze nella Liga e quasi tutte da subentrato: il numero 4 blaugrana ha totalizzato solo 186 minuti in questa prima parte di stagione, tra campionato e Champions League, e non sarebbe soddisfatto del suo impiego da parte di Valverde.

Il croato è arrivato a Barcellona nel 2014 da Siviglia e da allora il centrocampista ha dimostrato di essere uno dei migliori giocatori al mondo nel suo ruolo, rappresentando un grande acquisto per il club catalano e di essere fondamentale in diverse situazioni che hanno portato i culé e vincere importanti trofei.

Rakitic-Juve: lo scoglio è la richiesta del Barça

Quella che sembrava solo l'ennesima voce di mercato potrebbe concretizzarsi nei prossimi mesi e il trasferimento alla Juventus potrebbe accontentare tutti ma ci sarebbe uno scoglio importante da superare, ovvero i costi dell'operazione. Il Barcellona chiede 50 milioni di euro per il cartellino del giocatore e sembra una richiesta difficile da raggiungere per il club bianconero in questo momento.  L'attuale abbondanza della Vecchia Signora a centrocampo potrebbe rappresentare un deterrente per lo sbarco di Rakitic a Torino ma con il mercato di questi ultimi anno non c'è nulla da scartare a priori.