L'Inter accelera ma rischia di finire fuori strada. In avanti non c'è pace per Antonio Conte che insiste perché a Piero Ausilio si dia mandato ultimo di chiudere la doppia trattativa senza tergiversare. Il calciomercato è nel suo momento clou, mentre tournèe e preparazioni incombono e costringeranno l'armata nerazzurra a volare in giro per il mondo. L'ex Juventus lo sa: accadesse ciò, si complicherebbero i piani offensivi su cui lavorare per un'Inter migliore.

Senza dimenticare il problema Icardi, recluso ad Appiano Gentile, ufficialmente per recuperare forma e motivazioni ma in sostanza semplicemente in sala d'attesa per un biglietto di sola andata (direzione Napoli). Problemi che Conte avrebbe voluto non avere ma che si stanno palesando in queste ore di stallo con il Manchester e la Roma.

Lukaku sempre più lontano dal Manchester

Romelu Lukaku vuole partire e lasciare lo United. Una decisione presa da tempo, da quando ha capito che per il club e per Solskjaer non c'è più spazio per lui. Ma lasciare Manchester non è semplice perché la società inglese non fa sconti. Quando lo prelevò dall'Everton pagò circa 60 milioni di sterline. Oggi ne vuole altrettanti, non un cent in meno. Un muro che ha messo in difficoltà l'Inter che col belga ha già trovato l'intesa su ingaggio e durata di contratto.

Il belga escluso dalla seconda gara in Australia

Dopo l'amichevole con i Perth Glory, Romelu Lukaku non ha preso parte nemmeno alla seconda partita (contro il Leeds) del tour in Australia del Manchester United. Nel tweet del Manchester con cui viene annunciata la formazione non c'è una spiegazione per l'assenza di Lukaku, tutto lascia pensare che il motivo sia proprio una sua possibile cessione ai nerazzurri.

Offerta Inter, 55 milioni di sterline in tre anni

A sciogliere l'inghippo ci dovrà pensare Suning che dovrà lavorare su un doppio fronte. Il primo provare ad avvicinarsi al massimo al valore iniziale. Si è già al terzo tentativo (al rialzo) con una offerta da 55 milioni di sterline. Lo United non ha risposto. Il secondo fronte sono i pagamenti sui quali il club inglese ha aperto alla trattativa: dilazionati in tre anni, scelta condivisa.

Dzeko, la Roma fa muro e lavora su Higuain

Poi c'è il problema Edin Dzeko con la Roma che si atteggia allo stesso modo degli inglesi: non ha fretta, anche se ha in seno un giocatore che ha già detto che vuole andarsene e vuole l'Inter.  In Capitale hanno già monetizzato, stanno valutando soluzioni differenti per l'attacco di Fonseca, ufficialmente sono su diversi candidati tra cui spicca Gonzalo Higuain dalla Juventus. Dzeko non è considerato un problema, il bosniaco ha mercato – anche all'estero – e verrà ceduto.

Offerta Inter, 15 milioni e rinunzia alla percentuale su Zaniolo

Come per Lukaku, anche con dzeko l'Inter ha trovato intesa col giocatore, il problema resta la Roma che ha chiesto 20 milioni a fronte di una offerta non superiore ai 15. Il giocatore pur di andare via dai giallorossi ha anche accettato un ingaggio più basso nel suo primo anno in nerazzurro (con contratto triennale). Per ingolosire la Roma si è anche proposta la possibilità a rinunciare al 15% dell'eventuale rivendita di Zaniolo (in orbita Tottneham o Juventus) pari a circa 7-8 milioni di euro.