Ultima giornata di calciomercato pirotecnica e, come da tradizione, con numerose operazioni in rapida successione. Cambiano i volti delle 20 squadre di serie A (ecco come giocheranno) e lo studio dei fantallenatori si fa sempre più intenso per scoprire i possibili affari nascosti nelle pieghe delle ultime trattative. Approfittando della sosta, la prossima settimana sarà quella in cui si concentreranno il maggior numero di aste del fantacalcio, oltre a fare spazio a chi dovrà "riparare" avendo composto le rose a mercato in corso.

Per questo, al fine di agevolare lo studio delle novità, abbiamo fatto il punto sugli affari conclusi in extremis, tra i quali spicca l'approdo di Verdi al Torino (operazione ufficializzata alle 21.57). Da segnalare anche il passaggio di Matri dal Sassuolo al Brescia, dove ritrova Cellino e Balotelli. E a proposito dei neroverdi, la società di Squinzi ha operato parecchio in uscita cedendo anche Babacar (diretto a Lecce) e Goldaniga (Genoa), rimpiazzati da Defrel e Chiriches. Qui di seguito il dettaglio completo.

Atalanta

Kjaer (difensore): arriva in extremis per sostituire Skrtel. Giocatore che torna in serie A dopo le esperienze con Palermo e Roma, solido, esperto, abile nel gioco aereo. Entrerà nelle rotazioni di Gasperini dopo un periodo di adattamento. Non un sicuro titolare e in quanto tale va considerato.

Bologna

I felsinei hanno chiuso con largo anticipo il calciomercato; ultima operazione: Medel che è già sceso in campo nell'ultimo turno di campionato, a dimostrazione dell'utilità nel sistema di Mihajlovic, soprattutto per sostituire Pulgar.

Brescia

Romulo (centrocampista): esperto mestierante sempre con la valigia pronta. Saluta ancora il Genoa dopo l'esperienza di sei mesi dello scorso anno con la Lazio. Arriva con il suo bagaglio di esperienza e forte di una versatilità che gli consente di giocare sia sugli esterni sia nel ruolo di mezzala. Può proporsi subito per un posto da titolare.

Matri (attaccante): arriva per sostituire l'infortunato Torregrossa e per allungare le rotazioni dell'attacco bresciano che adesso può vantare su un ulteriore bagaglio di esperienza. Non sarà un sicuro titolare.

Cagliari

Giornata finale dedicata alle cessioni di Romagna (Sassuolo), Despodov (Sturm Graz) e Bradaric (Hajduk Spalato). Ultime operazioni: Olsen dalla Roma e Simeone dalla Fiorentina, entrambi già scesi in campo in occasione della gara con l'Inter e quasi certi di una maglia da titolare.

Fiorentina

Caceres (difensore): elemento di esperienza che arriva ad allungare le rotazioni del reparto. Jolly che tornerà utile, ma non sicuro di una maglia da titolare.

Ghezzal (centrocampista): esterno offensivo di talento, dotato di corsa e buona tecnica. Classe '92, approda a Firenze per rilanciarsi dopo una sfortunata stagione al Leicester. Può fare la differenza. Al momento appare una scommessa in chiave fantacalcio.

Duncan (attaccante): investimento per il futuro. Al momento poco utile in chiave fantacalcio.

Pedro (attaccante): classe '97, arriva dalla Fluminense. Attaccante moderno, capace di fare un po' tutto, grazie a caratteristiche fisiche che gli consentono di coniugare abilità nel gioco aereo , potenza fisica e senso del gol. Negli ultimi due campionati ha messo insieme 15 gol in 29 partite. Può entrare in ballottaggio con Boateng per il posto di prima punta, potenzialmente una scommessa al fantacalcio.

Genoa

Goldaniga (difensore): ancora alla ricerca della definitiva consacrazione, l'ex prodotto delle giovanili della Juventus cambia ancora aria, ma in rossoblù parte in seconda fila dietro i vari Zapata, Romero e Criscito.

Ankersen (centrocampista): esterno offensivo, prelevato dal Copenhagen, non più di primo pelo (è un classe '90). Svelto di piedi e con buona tecnica di base. Arriva a sostituire Romulo. Nell'ultima stagione sette assist e un gol per lui in campionato: un bottino che lo rende una scommessa interessante al fantacalcio.

Inter

Le operazioni di rilievo erano state già completate nei giorni scorsi con gli arrivi di Sanchez e Biraghi. Il capolavoro della giornata finale è stata la cessione di Icardi al PSG.

Juventus

Né operazioni in ingresso, né in uscita negli ultimi giorni. La rosa resta così com'è, anche per effetto dei numerosi infortuni registrati in extremis.

Lazio

Il vero colpo è consistito nell'opportunità di trattenere gente del calibro di Luis Alberto e Milinkovic-Savic.

Lecce

Babacar (attaccante): arriva dal Sassuolo per dare esperienza a un attacco che finora è apparso poco efficace. Si proporrà in alternativa a Lapadula.

Milan

Rebic (Attaccante): classe '95, arriva dall'Eintracht Francoforte, dove nell'ultima stagione ha realizzato 9 gol e distribuito 4 assist. Non una prima punta, ma un elemento dotato di tecnica, dribbling e corsa, in grado di integrarsi con un centravanti di peso, o all'occorrenza di agire in posizione più centrale. Si candida a una maglia da titolare.

Napoli

In extremis è arrivata solo la cessione in prestito di Verdi, oltre all'ufficialità in entrata di Llorente (attaccante) che consentirà ad Ancelotti di variare spesso lo spartito offensivo del Napoli. Lo spagnolo, però, sarà solo un rincalzo.

Parma

Darmian (difensore): il difensore ex Torino, torna in Italia dopo l'esperienza a Manchester (sponda United) regalando a D'Aversa un elemento maturo, abile sia in fase difensiva, ma anche in proiezione offensiva. Elemento molto interessante su cui puntare al fantacalcio.

Roma

Smalling (difensore): elemento esperto, dotato di stazza, abilità in marcatura e che si proporrà molto presto per una maglia da titolare nel cuore della difesa della Roma. Al fantacalcio appare anche più interessante per le qualità nel gioco aereo che gli permettono di rendersi protagonista anche in chiave offensiva.

Mkhitaryan (centrocampista): classe '89, è un elemento offensivo moderno, dotato di numeri, tecnica e colpi da trequartista, in grado di giocare anche in posizione decentrata. È il colpo in chiusura di mercato di Petrachi, che può fornire ulteriore peso all'attacco giallorosso. Nell'ultima stagione all'Arsenal 6 gol e 4 assist.

Kalinic (attaccante): dopo le esperienze negative con Milan e Atletico Madrid, fa ritorno in Italia nel tentativo di rilanciare una carriera finita in un vicolo cieco. È l'alternativa a Dzeko, un rincalzo per il momento.

Sampdoria

Seculin (portiere): arriva per fare il secondo di Audero.

Rigoni (centrocampista): all'Atalanta lo scorso anno non è riuscito a trovare continuità di impiego e tanto meno a convincere Gasperini che, a metà stagione, lo ha rispedito allo Zenit San Pietroburgo. Esterno offensivo in grado di giocare su entrambi gli out, ha dribbling, tecnica e numeri molto interessanti. Nonostante le difficoltà, ha chiuso l'ultima stagione con 23 presenze complessive tra Italia e Russia, 6 gol e 3 assist. Alla Sampdoria arriva a colmare la lacuna del tridente, dove sinora Ramirez non è riuscito a calarsi nella parte di esterno.

Sassuolo

Romagna (difensore): dopo la lunga anticamera a Cagliari, cambia aria ma la sostanza non dovrebbe modificarsi. Arriva come rincalzo per il reparto centrale.

Chiriches (difensore): elemento di esperienza che con De Zerbi potrebbe prendersi subito una maglia da titolare. In una realtà con meno pressione, potrebbe rivelarsi un leader, continuo nel rendimento.

Kyriakopoulos (difensore): esterno difensivo mancino, in arrivo dai greci dell'Asteras, classe '96. Servirà a far rifiatare i titolari.

Defrel (attaccante): dopo il girovagare tra Roma e Sampdoria, il figliol prodigo fa ritorno a Sassuolo, dove consentirà di colmare il gap creato dalle partenze di Babacar e Matri entrando in lizza per una maglia da titolare nel tridente con Berardi e Caputo. Porta in dote gli 11 gol e 2 assist dell'ultima stagione alla Sampdoria.

Spal

Sala (difensore): l'infortunio di Fares ha costretto i ferraresi a investire sugli esterni per colmare la lacuna. Entrerà in lizza per una maglia da titolare, ma al fantacalcio appare poco interessante.

Reca (difensore): stesso discorso di chi l'ha preceduto, con l'unica differenza che Reca ha numeri e qualità per trovare la definitiva consacrazione. Scommessa interessante al fantacalcio.

Torino

Laxalt (difensore): esterno che ha bisogno di rilanciarsi dopo il colpo a vuoto di Milano. Se torna sui livelli del Genoa, diventa un fattore anche al fantacalcio. Potrebbe proporsi subito per una maglia da titolare in coincidenza con l'infortunio di Ansaldi.

Verdi (centrocampista): il vero colpo a sensazione dell'ultimo giorno di mercato, e non solo del Torino. Può spingere Mazzarri a tornare al 3-4-3 con Iago Falque e Belotti. Ha numeri e qualità per essere un fattore nella corsa all'Europa dei granata.

Udinese

Okaka (attaccante): torna all'Udinese, dove lo scorso anno ha giocato un ruolo di primo piano nella corsa salvezza dei friulani. Per lui un bottino di 6 gol e 1 assist in 16 presenze che potrebbe indurre Tudor a preferirlo a Nestorovski per una maglia da titolare.

Verona

Stepinski (attaccante): il polacco, classe '95, resta in serie A e a Verona, passando dal Chievo all'Hellas. Dal 2017 in Italia, nell'ultima stagione – pur fallimentare dei clivensi – è riuscito a chiudere con sei gol e due assist. Può prendersi una maglia da titolare.