Non c'è mai pace per Mario Balotelli che sta vivendo un altro di quei momenti da dimenticare, tra prestazioni insoddisfacenti, critiche, reazioni e proteste. Dopo gli episodi di razzismo che lo hanno visto incolpevole protagonista, tutto si è complicato con l'arrivo sulla panchina del Brescia di Fabio Grosso al posto di Eugenio Corini. Un avvicendamento che non ha giovato alla ripresa dell'attaccante che è entrato in conflitto diretto con il neo tecnico. Per finire, anche le dichiarazioni fuori luogo e senza senso del presidente Cellino con una battuta più che infelice.

Adesso? Per Mario Balotelli si stanno richiudendo le porte della Serie A e c'è da crederci che se questa volta dovesse fallire anche a Brescia in Italia non giocherà più. Non è un Paese per Balotelli, preso di mira dai cretini da stadio per il colore della pelle. Dove non riesce a esprimere il proprio talento, subito in prima di copertina per tutto e niente. Con ripercussioni sulle sue prestazioni, il suo sincero amore per la maglia delle Rondinelle, le sue speranze di riabbracciare l'azzurro.

L'appello in diretta social da parte della MLS

Così prende davvero senso una semplice provocazione arrivata da Oltreoceano dove i media americani, con la MLS oramai conclusasi e in vista della nuova stagione, stanno cercando star da arruolare nel firmamento a stelle e strisce per rendere ancora più grande un movimento calcistico che è esploso nell'ultimo decennio. Un invito vero e proprio, arrivato via social, da "ExtraTime", il podcast ufficiale della lega statunitense. Sul proprio canale YouTube e sul sito ufficiale hanno pubblicato una preghiera affinché il centravanti italiano prenda in seria considerazione l'ipotesi di iniziare una avventura in America.

Mercato di gennaio: i possibili scenari

Di certo la situazione è quasi paradossale con Balotelli che è ritornato al centro delle scene e non per i suoi gol o le sue giocate in  campo. Tutto ciò di cui il giocatore non aveva bisogno ma che sta ritrovando in abbondanza in Italia. E il mercato di gennaio potrebbe regalare qualche sorpresa a riguardo perché in America ci sono tante franchigie pronte a ingaggiare il giocatore. Che a questo punto lascerebbe volentieri, Brescia, la Serie A, l'Italia.