Mancano una manciata di giorni all'apertura ufficiale della sessione invernale del calciomercato ma c'è già chi si è mosso per tempo e continua a farlo per rendere la parentesi di gennaio mera formalità per potersi concentrare anche su altro. Anticipo sulla concorrenza, garanzia di continuità, annullamento di possibili e fastidiosi tormentoni infiniti: il Napoli di De Laurentiis è tra i club che ha scelto di risolvere le questioni più spinose senza attendere il 2 gennaio.

Le notizie che giungono da Castel Volturno, oramai riguardano il disgelo più totale tra presidenza e squadra. Se nelle scorse settimane il primo e principale colpo di spugna rispetto al recente passato intriso di polemiche e contestazioni, era stato l'allontanamento di Carlo Ancelotti per l'avvento di Rino Gattuso, oggi si parla di rinnovi. Tra i nomi più caldi c'è anche quello del brasiliano Allan, la cui situazione non appariva come priorità ma il cui contratto è stato preso in esame.

La proposta partenopea per Allan

Il centrocampista, già indicato subito da Gattuso come elemento portante della sua nuova mediana, ha ricevuto notizie dal club per il suo futuro. Sotterrata l'ascia di guerra, chiusa in un cassetto la parte da protagonista nel famoso ammutinamento anti ritiro, Allan oggi si è visto proporre un prolungamento di contratto e un adeguamento di emolumenti. Non più fino al 2023 ma per ulteriori 12 mesi, fino al 2024 e non a 2 milioni, bensì a 3.

Allontanare il Psg

Nei piani societari, Allan non configurava tra le priorità da risolvere ma il pressing esercitato sul giocatore da parte del Paris Saint-Germain, che in estate era arrivato vicinissimo al brasiliano, ha spinto il Napoli a optare per la giocata in anticipo. Non ci sarà una nuova clausola rescissoria ma se i parigini adesso – o a giugno – vorranno ripresentarsi da De Laurentiis, la situazione vedrà il Napoli comunque maggiormente tutelato.

Gli altri contratti

Per gli altri rinnovi e proposte di prolungamento, la lista è sempre ricca. Si passa da Zielinski (oggi a 1,1 milioni) a Milik (oggi a 2,5 milioni), per poi tornare su due nomi molto chiacchierati: Mertens e Callejon. Anche per loro, possibile offerta per restare in Azzurro, allungando la scadenza e mantenendo l'attuale guadagno (4 milioni per il belga, 3 per lo spagnolo)