Tensione a Cagliari in vista della partita di stasera alla Sardegna Arena tra la squadra di casa e la Lazio. In via Milano le frange delle due gruppi di tifosi sono venuti a contatto e dopo le offese verbali sono passati alla violenza: pugni, calci e cinghiate. Sul posto, secondo quanto ha riportato il quotidiano La Nuova Sardegna, sono intervenuti gli agenti della squadra volante e i poliziotti del Reparto mobile, che erano nei pressi dell'accaduto proprio per servizi legati al Monday Night della Serie A. I responsabili degli scontri sono stai tutti individuati e i tifosi della Lazio hanno deciso di non farsi medicare in ospedale nonostante qualche lieve escoriazione. Secondo quanto riportato dall'agenzia Ansa, sono in corso le indagini per individuare le altre persone coinvolte nella rissa dopo l'intervento degli agenti della Squadra volante, che hanno identificato i sei tifosi aggrediti e poi, in collaborazione con la Digos, hanno iniziate le ricerche del gruppo di violenti fuggiti subito dopo il blitz durato poco meno di un minuto.

Cagliari-Lazio, cosa è successo in via Milano

I fatti. Secondo quanto riportato da L'Unione Sarda, un grippo di quindici persone del posto sarebbe sceso da un taxi e si sarebbe diretto verso un b&b nel quartiere cagliaritano di Bonaria e qui sei tifosi della Lazio, prima di poter raggiungere la struttura, sono stati aggrediti a bottigliate e cinghiate. L'agguato è avvenuto intorno alle ore 16:00 di oggi pomeriggio a poche ore dalla sfida tra i rossoblù sardi e Lazio alla Sardegna Arena. Le vittime hanno riportato ferite alla testa e altre contusioni al corpo ma, come già affermato in precedenza, hanno rifiutato il trasporto in ospedale dopo il primo intervento del personale del 118.