Il Milan scala ancora la classifica: il terzo successo consecutivo riporta i rossoneri in Zona Europa, in attesa di capire cosa accadrà tra sabato e domenica. A Brescia è decisivo ancora una volta Rebic entrato nella ripresa e a segno poco dopo. Il 4-4-2 di Pioli dunque sembra aver dato quadratura ad una squadra che in più di una occasione è stata salvata dalle ottime parate di Donnarumma quando il match era fermo sullo 0-0. Per il Brescia rimane una ottima prestazione – soprattutto di Torregrossa – ma sulla più: penultimo posto in classifica e zona rossa per le Rondinelle.

Più Brescia che Milan

Il Milan prova subito a fare la partita ma a giocare meglio, anche trascinato da un Rigamonti vicino ai ragazzi di Corini. Occasioni da gol non ci sono nella prima parte del primo tempo ma 19′ il primo brivido arriva puntuale per merito di Ibrahimovic che prova a impensierire di testa il portiere delle Rondinelle, Joronen che si distende e salva il risultato. L'occasione per il Milan sveglia il Brescia, che inizia a creare più gioco.

Ibra risponde da solo al Brescia

I padroni di casa a metà primo tempo, hanno una doppia occasione per andare in vantaggio: prima con Torregrossa poi con Aye. Nel primo caso la mira è sbagliata, nel secondo ci mette la classica pezza Donnarumma tra i migliori in campo insieme al capitano del Brescia. Ma se è il Brescia più reattivo in area avversaria resta il Milan il più pericoloso. E quando (40′) Ibrahimovic si mangia da solo il gol del vantaggio, il Rigamonti ammutolisce.

Gol di Torregrossa, fuorigioco giusto

Nella ripresa le emozioni non mancano con il Brescia che prova a vincere la partita alzando i giri nel motore. Donnarumma sale in cattedra e deve fare gli straordinari per salvare il risultato, soprattutto dagli inserimenti di Torregrossa, il migliore in campo che ci prova in tutti i modi. E quando la palla entra in porta, Valeri conferma la segnalazione del guardalinee per decretare il fuorigioco del capitano delle Rondinelle sul tiro di Tonali.

La legge di Rebic

Il Brescia attua il massimo sforzo a metà ripresa, ma il Milan regge l'urto e Stefano Pioli cambia in avanti togliendo uno spento Leao per un più esperto Rebic. Corini lascia tutto immutato, soddisfatto dei suoi uomini in campo soprattutto per l'approccio al match. Ma ad aver ragione è propri il tecnico rossonero visto che il croato al 70′ riesce a rompere gli equilibri: uno squarcio nel buio rossonero con una azione di rimessa tra Theo, Ibrahimovic e Rebic che non sbaglia.

Il tabellino

Brescia-Milan 0-1 ( 26′ st Rebic )

BRESCIA (4-3-1-2): Joronen; Sabelli, Cistana, Chancellor, Mateju; Bisoli (43′ st Skrabb), Tonali, Dessena (25′ st Ndoj); Romulo; Torregrossa, Ayé (33′ st A. Donnarumma). A disp. Alfonso, Andreacci, Gastaldello, Spalek, Mangraviti, Magnani, Bjarnason, Viviani, Martella. All.Eugenio Corini.

MILAN (4-4-2): G. Donnarumma; Conti, Kjaer, Romagnoli, Hernandez; Castillejo, Kessie, Bennacer, Calhanoglu (32′ st Krunic); Ibrahimovic, Leao (13′ st Rebic). A disp. A.Donnarumma, Begovic; Gabbia, Musacchio, Rodriguez; Bonaventura; Piatek, Suso. All. Stefano Pioli.

ARBITRO: Valeri di Roma.