Si è detto spesso che la Liga è un campionato quasi scontato, con le tre grandi che raramente fanno un passo falso. Questa stagione invece sta ribaltando i ‘vecchi schemi’. Il Barcellona ha vinto solo una delle prime tre partite, il Real Madrid ha pareggiato due volte e l’Atletico Madrid che era imbattuto e pareva già poter iniziare una fuga è stato sconfitto oggi 2-0 dalla Real Sociedad. Per Simeone e i suoi non è il modo migliore per avvicinarsi al match di Champions con la Juventus.

Real Sociedad-Atletico Madrid 2-0

Simeone se l’è giocata con Koke, Saul, Lemar, Vitolo, Joao Felix e Diego Costa tutti assieme. Formazione super offensiva che non ha pagato. Nel primo tempo Oblak compie un grande intervento su Oyarzabal, mentre Diego Llorente si divora un gol per la squadra di San Sebastian. Nel secondo tempo escono Joao Felix e Lemar, dentro Correa, corteggiato a lungo dal Milan nel mercato estivo, e Diego Llorente. Questi cambi non aiutano l’Atletico che cade sotto i colpi degli scandinavi Odegaard e Isak. Il centrocampista di proprietà del Real Madrid fa il fenomeno, salta gli avversari e combina con Merino, poi calcia e insacca, con l’aiuto di una deviazione di Savic. Il norvegese poi imbecca lo svedese Isak che fredda Oblak. L’Atletico non reagisce e perde 2-0.

Real Madrid-Levante 3-2

Con James Rodriguez e Vinicius Junior dal primo minuto il Real Madrid ha battuto per 3-2 il Levante. La partita, per larghi tratti, è stata molto più semplice di quanto il punteggio possa far immaginare. Il primo tempo è finito 3-0, doppietta di Benzema, che continua a migliorare il suo score con i ‘blancos’, e gol di Casemiro. Nella ripresa il Levante segna con l’ex Borja Mayoral e Melero. Eden Hazard, dopo un mese di stop, è tornato a giocare e si candida per un posto da titolare per il match con il PSG di Champions League.