Le fatiche di Sanremo non impediranno ad Amadeus di essere presente sugli spalti del Meazza, per il derby di Milano. Il presentatore nella serata finale del Festival della canzone italiana, ha confermato che domenica sera seguirà dal vivo la sua amata Inter nell'attesissimo confronto con il Milan. Al cuor (da tifoso) non si comanda, e il conduttore nonostante la stanchezza per la settimana sanremese inciterà la compagine di Conte in un match cruciale per il campionato di Serie A.

Amadeus da Sanremo al Meazza, sarà in tribuna per il derby Inter-Milan

In occasione della serata conclusiva del Festival di Sanremo, il padrone di casa Amadeus è intervenuto ai microfoni di Sky. Il conduttore tifosissimo dell'Inter non rinuncerà domenica sera al derby contro il Milan: lo show-man non si limiterà a vederlo in tv, ma volerà a Milano per accomodarsi sulle tribune del Meazza senza pensare alla stanchezza per il tour de force sanremese. Queste le parole di Amadeus pronto a tutto per la sua Inter: "Se domani sera avrò la forza di guardare il derby? Io domani sono allo stadio. Ci si sveglia presto, conferenza stampa e via a Milano. Sono già allo stadio, non potrei fare altrimenti".

Amadeus, i siparietti con Ronaldo e la soddisfazione per la sua Inter

C'è stato tanto "calcio" a Sanremo, con la presenza di Georgina Rodriguez nelle vesti di presentatrice, che ha portato il compagno Cristiano Ronaldo ad accomodarsi in prima fila all'Ariston. Simpatica la gag tra Amadeus, e la bella spagnola, con il conduttore del Festival di Sanremo che ha poi ricevuto la maglia autografata del campione dei rivali della Juventus. Il presentatore si è detto soddisfatto del rendimento stagionale della nuova Inter di Conte: " Io sono felice della mia Inter, di questa annata e di quello che stanno facendo Conte e Lukaku. Sono molto tifoso".

Il paragone tra Sanremo e una partita di calcio

In conclusione un paragone tra il suo Festival e una difficile partita di calcio: "Ho sempre fatto un paragone con il calcio, che amo molto: è come quando si entra in campo, dal tunnel degli spogliatoi allo stadio più grande del mondo. Sei emozionato, sei teso. Poi la partita inizia e si pensa a quello: ormai siamo negli ultimi minuti, stiamo portando a casa un bel risultato. E allora questo finale ce lo vogliamo godere tentando qualche colpo di prestigio".